Sinergia crescente tra il Segretario Federale del movimento “Sud Protagonsita ” Salvatore Ronghi e l’avvocato Loredana Gargiulo

Il Segretario Federale del movimento “Sud Protagonista” e l’avvocato Loredana Gargiulo , coordinatrice per i paesi vesuviani del movimento: un binomio destinato a consolidarsi nel tempo e a raggiungere traguardi politici rilevanti.

0
256

Il Segretario Federale del movimento “Sud Protagonista” e l’avvocato Loredana Gargiulo , coordinatrice per i paesi vesuviani del movimento: un binomio destinato a consolidarsi nel tempo e a raggiungere traguardi politici rilevanti. Si, perché quando lo spessore professionale e umano è quello che anima i soggetti in questione si parla di politica ai massimi livelli. “ E’ un onore – ha precisato l’avvocato Loredana Gargiulo – per me far parte di un movimento che nel Segretario Federale Salvatore Ronghi trova massima espressione e concretezza. Da sempre sono una ferma sostenitrice dell’esigenza di operare in gruppo, di investire nella sinergia quale strumento vincente contro il fatalismo rinunciatario e il disfattismo cronico.

Il movimento “Sud Protagonista” è composto da persone validissime, attive in ogni campo e soprattutto ben ramificate sui rispettivi territori. Un dato questo da non sottovalutare : se si vuole essere utili alla crescita socio-economica delle comunità meridionali, se si vuole garantire un avvenire migliore ai nostri giovani, occorre innanzitutto conoscere profondamente la realtà in cui si opera. Ci prefiggiamo di contribuire alla nascita di contesti urbani migliori, in cui meritocrazia, trasparenza operativa, rispetto per l’ambiente e legalità non siano continuamente attentate da costumi corrotti, collusioni e mala politica”. Professionista nota e stimata l’avvocato Loredana Gargiulo rappresenta ad oggi una risorsa umana e professionale sulla quale investire per il riscatto di un meridione che deve tornare a credere nel valore della meritocrazia ritrovando nel contempo fiducia nel pubblico.

Soprattutto in merito al delicato tema dell’occupazione nel meridione Salvatore Ronghi si era cosi’ espresso : “Il dato secondo il quale quattro regioni del Sud Italia sono tra le peggiori in Europa per occupazione evidenzia che il lavoro nel Sud è una vera e propria emergenza e che il lavoro deve tornare ad essere il baricentro della politica e del sindacato. Occorre rilanciare la piena occupazione e le tutele dei lavoratori attraverso un Piano per lo sviluppo e per l’occupazione che parta dalla Campania e dal Sud Italia per estendersi all’intero Paese. La piena occupazione ed il lavoro stabile e di qualità sono la grande sfida che politica, sindacato, società tutta devono rilanciare e vincere riportando il mondo del lavoro al centro dell’attenzione”.
                                                                                          Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteTorre Annunziata: REI, avvio procedure selezione di personale
SuccessivoSubterranea, festival delle arti che esplora il sottosuolo
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.