Casoria – Afragola: inseguito e arrestato. In tasca una semiautomatica pronta a sparare

L'uomo arrestato è ritenuto appartenente ai “Barbato – Bencivenga” un gruppo criminale contiguo ai “Moccia” e operante nel controllo degli affari illeciti tra Casoria e Afragola

0
295

I Carabinieri della Compagnia di Casoria hanno tratto in arresto per detenzione e porto illegali di arma da fuoco e munizioni, ricettazione dell’arma stessa e violazione agli obblighi della libertà vigilata Giovanni Baratto, un 22enne di Casoria già noto alle forze dell’ordine e ritenuto appartenente ai “Barbato – Bencivenga” un gruppo criminale contiguo ai “Moccia” e operante nel controllo degli affari illeciti tra Casoria e Afragola.

L’uomo era sottoposto alla libertà vigilata, misura di sicurezza che era stata disposta dopo il suo arresto il 23 agosto 2014 per estorsione aggravata dal metodo mafioso.

I militari dell’aliquota Radiomobile di Casoria in servizio di pattuglia per il controllo del territorio hanno notato una Lancia Y nera con 2 persone a bordo che transitava a forte velocità per Casoria e si sono messi all’inseguimento riuscendo a bloccare i 2 occupanti in via De Gasperi di Afragola, dove avevano abbandonato la vettura parcheggiandola in mezzo ad altre e si erano rifugiati in un bar cornetteria pensando di passare inosservati.

I 2 sono stati perquisiti sul posto. Nella tasca del giubbotto di Baratto i carabinieri hanno trovato una pistola semiautomatica calibro 7,65 con colpo in canna, cane alzato e 4 cartucce nel caricatore. L’arma è poi risultata oggetto di furto in appartamento avvenuto a Fiumicino lo scorso aprile.

Mentre è ancora al vaglio la posizione dell’altra persona a bordo della Lancia Y, anch’egli raggiunto e identificato nel bar, l’arrestato è stato tradotto presso il Tribunale di Napoli Nord per il rito direttissimo.