Allarme sicurezza alla De Sica di Volla: messo in fuga mentre si avvicina a due bambine

Prontamente individuato dalle lavoratrici socialmente utili, l'estraneo ha fatto perdere le sue tracce scavalcando la recinzione. Annone: da due anni stiamo aspettando le telecamere di sorveglianza come da una convenzione stipulata nel 2016. Si facciano rispettare gli accordi.

0
4612

Inquietante episodio avvenuto nel pomeriggio di martedì all’Istituto scolastico De Sica di via Filichito.


All’uscita degli alunni della scuola dell’infanzia, poco dopo le 16,00, come testimoniato da una delle insegnanti con un post vocale nel gruppo dei genitori, veniva segnalata la presenza di un adulto sospetto che nell’area parcheggio si avvicinava a due bambine allontanatesi dal gruppo delle mamme in attesa di prelevare i propri figli.

Le due bambine si erano allontanate dalla zona delle giostrine per incamminarsi verso l’area dove le insegnanti parcheggiano le auto. Proprio in quel momento la figura di un adulto si avvicinava alle due piccole. La fortuna ha voluto che ad accorgersi del movimento sospetto erano le lavoratrici socialmente utili in sevizio presso la scuola vollese che, senza perdere un secondo, si muovevano verso l’estraneo e lo mettevano in fuga. L’uomo scavalcata la ringhiera di recinzione della scuola, in pochi secondi, faceva perdere le sue tracce.

Tanta la paura mentre qualcuno cominciava a parlare di tentato rapimento. La dirigente della scuola sentite le due bimbe, che non sapevano dare ulteriori informazioni, ne tanto meno indicare verso dove era scappato l’uomo, decideva di far intervenire i Carabinieri.

Cosa sia successo realmente non è del tutto chiaro, l’uomo che con il suo comportamento aveva insospettito chi lo aveva notato e con la repentina fuga ha avvalorato la giusta paura di genitori, insegnanti e bambini, non è stato individuato.

Nel post audio l’insegnante afferma che in più occasioni le insegnanti e i vertici scolastici hanno richiesto la presenza dei Vigili Urbani o comunque di una figura che possa garantire più sicurezza e vigilanza nei momenti critici dell’ingresso e soprattutto dell’uscita dalla scuola degli alunni senza però ricevere riscontri positivi dalla casa comunale.

Sull’episodio, avendo ascoltato il vocale inviato ai genitori, è intervenuto poi il consigliere e responsabile di Fratelli d’Italia, Giuseppe Annone: “A fronte di questo episodio non può non tornarmi alla mente quanto successo nel 2016. Sto parlando di quella convenzione approvata in una delibera ad oggetto una variante al P.R.G. nel Consiglio Comunale del 6 settembre 2016 con ‘Azienda agricola Terre Mie’. L’approvazione di quella variante al piano regolatore andava in favore di una attività commerciale che a sua volta si impegnava a realizzare opere e servizi per la città di Volla.

In quella occasione – continua Annone – alcuni consiglieri, che tutt’ora siedono tra i banchi della maggioranza, proponevano appunto vari emendamenti tra cui l’allargamento del tratto stradale di Via Filichito (tratto Vasca Carbone) e l’istallazione di telecamere per la sicurezza su Via De Carolis. Quelle telecamere oggi – conclude il consigliere di FdI – sarebbero potute risultare utili per il riconoscimento dell’individuo che ha scatenato un pomeriggio di paura nella scuola che insiste proprio su quell’area. Dopo due anni, purtroppo, nessuno si preoccupa di far rispettare quella convenzione”.

In attesa che, come riferito dal consigliere Annone, la convenzione venga rispettata, speriamo che episodi del genere non abbiano a ripetersi e ci si augura che possa essere aumentata la sicurezza dei giovani vollesi proprio con la presenza di forze dell’ordine presso le scuole in particolare nei momenti di maggior rischio.

Bianca Di Massa