L’Oplontina vince e chiude in bellezza il girone d’andata

Alla luce di quanto si è visto, comunque, le due squadre possono sicuramente aspirare alla vetta della classifica

0
210

F.C. OPLONTINA – SPARTAK SAN NICOLA 9 – 4 (2-2)

F.C. OPLONTINA: 24 Fabiano, 16 Sorrentino, 4 D’Ammora, 7 Esposito, 9 Ciabatta, 10 Ferraioli, 11 Brunelli (k), 91 Cirillo, 92 Conò, 8 Mazzocchi. All. Falcone. SPARTAK SAN NICOLA: 63 Palladino, 1 Merola, 7 Marra, 8 Bucciero, 5 Di Lella, 10 Stigliano, 99 Di Pietro, 11 Mazzarella, 12 Russo, 17 Palmieri, 97 Sabino. All. Panniello. ARBITRI: Borrelli di Nola e Nappo di Ercolano. CRONOMETRISTA: D’Angelo Di Napoli. MARCATORI:  Mazzocchi (O), D’Ammora (Autogol) (S), Russo (S), Stiano (O), Stigliano (S), poker di Ferraioli (O), Nenè (O), Russo (S), Esposito (O), Autogol Palladino (O). ESPULSO: Di Lella per doppia ammonizione.

BOSCOREALE – L’Oplontina chiude il girone di andata con una vittoria contro un avversario di tutto rispetto, ben messo in campo che ha dato filo da torcere agli uomini di mister Falcone fino a pochi minuti dalla sirena. L’espulsione di Di Lella per doppia ammonizione, conseguente ad una protesta plateale all’indirizzo dell’arbitro Borrelli di Nola, ha fatto saltare i nervi agli ospiti.

Sull’8 a 4, gol originato da un sospetto fatto da rigore nell’area dei vesuviani, gli ospiti hanno dato vita ad una contestazione vibrante. Questo spiega perché, a pochi secondi dalla fine, Palladino ha messo la palla volontariamente nella sua porta fissando il risultato finale sul 9 a 4.

Escludendo questa parentesi – sportivamente non bella, anche se umanamente comprensibile – la partita aveva offerto tantissime occasioni da rete da una parte e dall’altra. Sul 7 a 4 difficilmente lo Spartak si sarebbe rimesso in carreggiata. Alla luce di quanto si è visto, comunque, le due squadre possono sicuramente aspirare alla vetta della classifica.

Esordio fortunato per il nuovo acquisto Mazzocchi che segna il suo primo gol e sfodera una prestazione davvero incoraggiante. Sugli scudi il bomber Ferraioli, autore di una rete da antologia e Stiano rientrato ai suoi livelli dopo un lungo infortunio. Dall’altra parte della barricata ottima gara di Stigliano e Russo.