Fotografia: Terra Nera – Identità e territorio vesuviano di Pino Miraglia

Dal 19 al 23 dicembre presso Auditorium Scuola Prisco di Boscotrecase nell'ambito del cartellone della XIV Edizione del DiVino Jazz Festival

671

La storia della agricoltura e dell’artigianato vesuviano affonda le sue radici in epoche lontanissime, così come antichissimi sono gli insediamenti umani alle pendici del monte Somma e del Vesuvio.

Una storia segnata dalla presenza affascinante e “viva” del Vesuvio, il vulcano, che ha visto un gran passaggio di popoli nonostante la sua forza distruttrice: qui l’uomo è sempre ritornato per ricostruire e ricoltivare attratto dalla straordinaria fertilità dei luoghi legata propria all’attività eruttiva del vulcano.

Terra rigogliosa e ricca, celebrata dagli antichi in numerose opere. Il territorio Vesuviano: un ecosistema delicato, benefico per l’uomo e rispettato nel suo naturale evolversi. Un processo di antropizzazione che ha sempre dato i suoi “frutti” e che ha contribuito in modo positivo all’evoluzione antropologica dei suoi abitanti.

Ma nel secolo scorso, e fino a qualche decennio fa, un incontrollato processo di urbanizzazione fatto di discariche di rifiuti, supportato da un altrettanto selvaggio abusivismo edilizio e giustificato da una serie di irresponsabili azioni politiche hanno compromesso seriamente l’equilibrio dell’ecosistema vesuviano.

Eppure, con l’azione concreta del Parco Nazionale del Vesuvio e di rinnovata presa di coscienza da parte dei suoi abitanti, si sta recentemente assistendo ad una piccola rinascita nel rispetto della natura e dell’ambiente in generale. Piccole aziende agricole, piccole unità produttive composte anche da giovani e giovanissimi stanno innescando una filiera produttiva di prodotti e attività biologici ed ecosostenibili.

Si sta recuperando un processo produttivo se non proprio antico, ma rispettoso e che cerca di recuperare un armonia tra uomo e territorio che il grande processo di industrializzazione aveva del tutto debellato. Questo lavoro fotografico va ad indagare visivamente queste realtà.

Iniziato nel 2012 e ancora work in progress, è strutturato in due sezioni: 1) l’identità e quindi i ritratti contestualizzati, rigorosamente real e a colori della “gente” del Vesuvio, persone che vivono, producono e che incidono culturalmente nel territorio, una sorta di schedatura di volti e memoria di un’identità che va scomparendo ma che ancora può insegnare tanto alle nuove generazioni; 2) una seconda sezione è composta da immagini in bianco e nero, uno studio visivo sulla forma, zoommate sulla materia viva e i risultati dell’operosità dell’artigianato vesuviano.