Casalnuovo, Enzo Avitabile in concerto a Palazzo Lancellotti

Per una serata di musica e magia il 21 dicembre, ore 21.00, ingresso gratuito

0
424

Venerdì 21 dicembre lo scenario incantato di Palazzo Lancellotti addobbato a festa farà da cornice alla tappa casalnuovese di ‘Sacro Sud’, il concerto di Enzo Avitabile. Il poliedrico artista napoletano si esibirà nell’ambito della kermesse ‘Calici e Cotone’, manifestazione culturale organizzata dall’amministrazione Comunale, cofinanziata con Fondi Poc, che anche quest’anno, durante il periodo natalizio, dà ampio spazio alla musica e alla tradizione napoletana con l’appuntamento, a ingresso gratuito, con il musicista partenopeo che porterà in scena un vero e proprio spettacolo i cui brani rappresentano “l’inno alla vita Sud delle stelle”.

 “E’ un onore poter ospitare un grande maestro che ha fatto la storia delle sonorità e della musica partenopea, allargandola oltre il confine napoletano. La commistione di suoni provenienti da ogni parte del mondo incanterà tutti anche qui a Casalnuovo. La rassegna ‘Calici e Cotone’ è diventata ormai un appuntamento fisso con la musica di qualità: dopo il concerto dei The kolors che ha portato in piazza migliaia di giovanissimi, adesso abbiamo puntato su un artista molto amato e apprezzato a livello nazionale e internazionale”. Così il sindaco Massimo Pelliccia in una nota stampa di presentazione dell’evento che si svolgerà venerdì prossimo 21 dicembre alle 21 nella corte interna di palazzo Lancellotti.

“È un incontro che parla di musica e sacralità – ha spiegato Avitabile durante la presentazione del suo ultimo lavoro ‘Sacro Sud – Anime Salve”, un ‘non luogo’, fatto di gente proveniente da ogni parte del mondo, accomunata dal sentimento universale per eccellenza: l’amore, verso le differenze, le radici, la storia, la realtà di ogni uomo”. Tra i brani dell’album quello che più rispecchia l’atmosfera natalizia è quello dal titolo “E’ Nato”, canzone poetica dedicata a tutti gli ultimi della terra, nati “dint’a na baracca senza a mene e nisciun”.