Il futuro dell’azzardo online: Mobile e Virtual Reality al traino del settore

Se i dati ufficiali relativi al giro di affari del 2017 descrivono un successo apparentemente inesauribile, la novità più interessante riguarda il boom dell'offerta online e di quella mobile

263

Tra crescita della raccolta e prospettive di ulteriore sviluppo grazie alle nuove tecnologie, il settore dell’azzardo continua a vivere una fase d’oro nel Bel Paese e non solo. Se i dati ufficiali relativi al giro di affari del 2017 descrivono un successo apparentemente inesauribile, la novità più interessante riguarda il boom dell’offerta online e di quella mobile, ma anche l’avvento del gambling in versione VR, cioè Virtual Reality.

I dati del Libro Blu ADM sul gioco in Italia

101,8 miliardi di euro raccolti nel 2017: è questo il dato più impressionante contenuto nel “Libro Blu” dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (o ADM), vale a dire l’annuale report sullo stato dell’arte del settore del gioco in Italia. Più nel dettaglio, la somma tornata ai giocatori attraverso le vincite, lo scorso anno, si attestava attorno agli 82,9 miliardi di euro, per una spesa complessiva sostenuta dai giocatori italiani pari comunque alla cifra record di 18,9 miliardi di euro (di cui 10,3 miliardi confluiti nelle casse dell’Erario).

Sul totale, la raccolta generata da piattaforme dedicate a scommesse sportive e giochi da casinò online toccava invece quota 26,9 miliardi di euro (più di un quarto del totale quindi), con un incremento annuo del 26% (e addirittura del 59% se confrontata con quella del 2015).

Usabilità, ricchezza dell’offerta, sicurezza e praticità di accesso: gli ingredienti di un successo

Il betting e il gambling in formula online conquistano quote crescenti di mercato in ragione di vari fattori.

Le piattaforme di gioco negli anni si sono evolute, semplificando l’accesso e rendendo sempre più intuitive le interfacce, permettendo anche a chi poco si intende di computer e navigazione sul web di controllare calendari e quote dei prossimi match del campionato oppure di sedere al tavolo di un torneo di poker virtuale.

L’offerta è cresciuta in modo travolgente, proprio in virtù delle tante possibilità offerte dalla rete: non c’è limite alla fantasia degli sviluppatori che progettano nuove slot o giochi da casinò e così, oggi, ciascun tradizionale passatempo basato sulla fortuna è declinato in una serie quasi infinità di tematiche ed ambientazioni.

Ad essere aumentate sono anche le tutele a favore dei giocatori: l’ADM vigila sia sul settore del gioco tradizionale che su quello online, autorizzando i gestori solo dopo una scrupolosa analisi di tutte le caratteristiche delle piattaforme di betting e gambling. Gli operatori online sono tenuti a garantire sistemi di gioco equi, protezione dei dati sensibili degli utenti, informazioni chiare e trasparenti, assistenza tecnica e numerosi strumenti atti alla promozione del gioco responsabile e alla repressione di quello patologico.

Sempre più importante poi l’apporto del comparto mobile: smartphone e tablet permettono di accedere comodamente a scommesse e giochi online in qualunque momento della giornata e ovunque ci si trovi. Nell’ottica di sfruttare a pieno anche questo canale, i gestori investono nello sviluppo di piattaforme di gioco in versione mobile sempre più pratiche e fluide, a cui si aggiunge costantemente il lancio di nuove app, che rendono ancora più intuitivo e rapido l’accesso a sale scommessa e casinò game online.

Gioco d’azzardo e realtà virtuale: la nuova frontiera dei casinò online

E l’online sembra proprio destinato a rappresentare il futuro dell’azzardo, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo.

Uno studio realizzato da Juniper Research intitolato “Mobile & Online Gambling: Casinos, Lotteries, Betting & VR 2016-2021” vede nella tecnologia VR, ovvero della Virtual Reality, il futuro del gioco online. Secondo le stime riportate nella ricerca, la raccolta generata dai casinò game in chiave realtà virtuale è destinata a crescere dell’800% nei prossimi anni, passando dall’attuale raccolta di 58 milioni di dollari a quella di oltre mezzo miliardo nel 2021.

In effetti, già oggi molti gestori italiani includono nella loro offerta app mobile dedicate alle giocate in modalità VR, da utilizzare per “immergersi” nel gioco, sperimentando l’emozione di varcare l’ingresso di un vero casinò e sedere, ad esempio, al tavolo della roulette.

L’obiettivo, senza dubbio, è quello di strizzare l’occhio ai millennials e ai giocatori più esigenti, in cerca di un’esperienza di gioco sempre più a tutto tondo e non limitata esclusivamente al brivido della puntata e al sogno di aggiudicarsi una ricca vincita: app e visore VR già oggi consentono di partecipare anche a giochi da casinò in formula live, superando così la barriera dello schermo e rendendo ancora più vivida la sensazione di trovarsi realmente in un casinò con croupier in carne ed ossa.

Le novità per l’industria dell’azzardo nel 2019

Mentre il settore del gioco online cresce a spron battuto, a partire dal primo gennaio le normative contenute all’interno del famoso Decreto Dignità in merito alla pubblicità sull’azzardo sono ufficialmente entrate in vigore, sancendo definitivamente lo stop di qualunque iniziativa promozionale a favore di scommesse e casinò game (fatta eccezione per i contratti già in essere prima dello scorso luglio e le lotterie nazionali).

A questa iniziativa, nata, almeno sulla carta, per contrastare la crescente diffusione delle dipendenze dal gioco, si somma l’incremento del prelievo erariale sulla raccolta generata dal settore, stabilita con la recente approvazione della Finanziaria.

Gli sviluppi futuri e i primi dati sul 2018

Se è ancora presto per conoscere i reali effetti di queste novità sull’industria dell’azzardo, i primi dati rivelati dall’ADM per l’anno appena concluso sembrano indicare un’ulteriore conferma del positivo trend di crescita degli ultimi anni, con la raccolta generata dal settore online aumentata addirittura del 33% nei primi 3 mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2018.