Sant’Anastasia: boom di domande per 15 posti al comune

La grande partecipazione ai concorsi banditi conferma non solo i dati nazionali sulla crisi occupazionale ma anche che il posto fisso nella pubblica amministrazione rimane il sogno di molti

424

Una lunga fila di giovani in piazza Siano fermi all’ingresso dell’ufficio protocollo attira gli sguardi dei passanti e dei tanti che frequentano il luogo per sostarvi o per imboccare l’androne dell’omonimo palazzo municipale. In pochi giorni se ne contano circa duemila, tanti quante le domande

presentate per partecipare ai concorsi pubblici indetti dall’Ente.

Un vero boom di istanze per trovare un lavoro stabile e sicuro, come quello presso le pubbliche amministrazioni. Sono giovani diplomati, con laurea magistrale, con attestati, esperienze brevi di lavoro le più disparate, curriculum da cui si evincono conoscenze informatiche approfondite o elementari, pronti a mettersi in gioco per circa 15 posti di lavoro a tempo indeterminato, sia part-time al 50% che a tempo pieno.

Attuando il Piano di fabbisogno di personale per il triennio 2019/2021, adottato dalla Giunta Abete, i posti messi a concorso, per titoli ed esami, sono: copertura di n.1 posto a tempo pieno e indeterminato nel profilo professionale di “Istruttore Direttivo Contabile” di categoria “D”; copertura a tempo indeterminato di n. 3 posti di profilo professionale di “Istruttore Direttivo Amministrativo” di categoria “D”, di cui uno a tempo pieno da coprire nel 2019 e due a tempo parziale al 50% (18 ore settimanali) da coprire nel 2020; n. 2 posti di profilo professionale di “Istruttore Direttivo Tecnico” di categoria “D” a tempo indeterminato e parziale al 50%;   copertura a tempo indeterminato e parziale al 50% di n. 6 posti di profilo professionale di istruttore amministrativo e n. 2 posti a tempo pieno e n. 1 al 50% di istruttore tecnico-geometra di categoria “C”.

Sui posti messi a concorso è prevista la riserva di un posto a favore dei volontari di truppa in ferma breve o prefissata delle Forze armate, congedati senza demerito dalle ferme contratte anche al termine o durante le rafferme, nonché gli ufficiali di complemento in ferma biennale e gli ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma stessa.

Tutte le domande giunte nei termini previsti saranno preliminarmente esaminate dal Servizio Risorse Umane ai fini dell’accertamento della presenza dei documenti dichiarati dal candidato e la documentazione sarà trasmessa alla Commissione esaminatrice per l’ammissione o l’esclusione dei candidati. L’elenco dei candidati ammessi al concorso sarà pubblicato sul sito istituzionale del comune.

Siccome sono state presentate più di 50 domande di partecipazione si terrà la prova preselettiva, come prevedono i bandi di concorso, cioè un questionario, con test a risposta multipla, inerente le materie d’esame previste dal bando, esclusa la lingua straniera e l’informatica.

I primi 30 candidati, oltre agli ex equo dell’ultimo classificato, saranno ammessi al vero è proprio concorso, ripartendo tutti da zero perché il punteggio della preselezione non è valido ai fini del concorso.

“La grande partecipazione ai concorsi banditi conferma non solo i dati nazionali sulla crisi occupazionale ma anche che il posto fisso nella pubblica amministrazione rimane il sogno di molti. Le domande – precisa l’assessore alle risorse umane Palmarosa Beneduce – sono state in totale 2188, così divise: 411 per la categoria D1 e 1176 per la categoria C1 amministrative; 93 per la categoria D1 contabile; 212 per la categoria D1 tecnico; 296 per la categoria C1 tecnico-geometra. Ringrazio la dott.ssa Paola Maione per aver gestito le tante domande presentate all’ufficio protocollo, nonostante la carenza di personale e la dott.ssa Giuseppa Ceriello per aver lavorato incessantemente alla preparazione dei concorsi, in modo da accelerare il turn over del personale, a garanzia di un migliore servizio ai cittadini”.

“Sono arrivate tantissime domande di partecipazione ai vari concorsi che abbiamo bandito,      sintomo anche della crisi del lavoro, della speranza di lavoro. Con i posti messi a concorso diamo un’occasione a 15 persone, per il momento, di impegnarsi in un lavoro dignitoso con la professionalità tipica dell’impiegato o del funzionario. Faccio i migliori auguri a tutti  – dice il sindaco Lello Abete – spero che prevalga la meritocrazia, che i vincitori abbiano piena coscienza del significato del posto di lavoro pubblico e diano il loro contributo a Sant’Anastasia perché dal comune partono tutti i servizi per la cittadinanza, tutta la vita amministrativa e tecnico burocratica, commerciale e sociale. Un grosso in bocca al lupo ai concorrenti, un invito allo studio, a prepararsi bene ed a sostenere questa grande prova con serenità”.