Napoli: catturato superlatitante Ciro Rinaldi detto “My Way”

Il “boss” del clan omonimo aveva fatto perdere le sue tracce da novembre

377

I Carabinieri della sezione “catturandi” di Napoli hanno individuato e catturato il latitante Ciro Rinaldi, 55 anni, detto ‘My way’, ritenuto a capo dell’omonimo clan camorristico operante nell’area orientale del

 

capoluogo campano e contrapposto a quello dei Mazzarella per il controllo fino all’hinterland napoletano.

L’uomo era ricercato dal 2 novembre 2018 quando gli fu ripristinata la misura cautelare in carcere per il duplice omicidio di Ciro Colonna, ucciso per errore a 19 anni nel corso di un agguato il 7 giugno 2016 a Ponticelli che aveva come obiettivo Raffaele Cepparulo.

A suo carico pendeva anche una ordinanza di custodia cautelare in carcere per l’omicidio di Vincenzo De Bernardo perpetrato per questioni di predominio criminale a Somma Vesuviana l’11 novembre 2015.

Il latitante è stato catturato in casa di parenti nel quartiere napoletano di San Pietro a Patierno. Non ha tentato la fuga ne opposto resistenza e si è lasciato pacificamente ammanettare. Non era armato e non aveva documenti falsi.

Si ritiene non fosse il suo covo ma una soluzione di mero passaggio nel suo spostarsi tra un covo e un altro. In tasca aveva dei fogli manoscritti con numeri e appunti che da un primo esame sembrano giocate per il superenalotto e codici per scommettere su incontri di calcio.