Vertenza appalto servizi di pulizia presso Stabilimento Unilever di Caivano

Cimes Srl ha comunicato il 28 febbraio che non avendo più commesse dal 1 marzo avrebbe provveduto al licenziamento dei 13 lavoratori

667

La società Cimes Srl stranamente rescinde il contratto di appalto dalla sera alla mattina, la società subentrante non vuole attuare il previsto cambio di appalto e i lavoratori si ritrovano senza lavoro e senza salario. Questa la grave situazione occupazionale che investe l’insediamento produttivo ex Algida di Caivano.

A scendere in campo al fianco dei lavoratori e delle famiglie che rischiamo il posto di lavoro, la dignità e il futuro il Sindacato U.L.S.S.A.: “Abbiamo programmato le azioni da mettere in atto, non è possibile tutto questo, lasciare padri di famiglia senza lavoro”.

“Lavoriamo nello stabilimento da quasi 20 anni” dicono i lavoratori a rischio che con varie ditte venivano assunti tramite l’aggiudicazione delle gare di appalto dei servizi di pulizia.

Nella giornata del 28 febbraio scorso è arrivata una comunicazione della ditta Cimes Srl, la quale comunicava che non avendo più commesse dal 1 marzo avrebbe provveduto al licenziamento dei 13 lavoratori.

“In tale appalto – fanno sapere dal sindacato – è subentrata una nuova società la San Vincenzo srl, la quale non ha voluto assumere i lavoratori, crediamo che tale imput sia stato dato dalla direzione dello stabilimento”.