Caivano: lavoratori presidiano i cancelli dell’Unilever

A chiedere diritto al lavoro sono tredici dipendenti della ditta di pulizie licenziati lo scorso 28 febbraio

0
423

Un presidio davanti ai cancelli dello stabilimento Unilever nella zona industriale. A chiedere diritto al lavoro sono tredici dipendenti della ditta di pulizie. Lo scorso 28 febbraio arriva la terribile comunicazione della Cimes srl. Non ci

 

sono più commesse e dal 1 marzo è stato avviato l’iter per il licenziamento.

A scendere in campo accanto ai lavoratori ci sono due sindacati la U.L.S.S.A. unitamente alla Flaica Cub. Le sigle sindacali spiegano che dopo la cessazione di appalto dichiarata dalla Cimes è subentrata una nuova società, la San Vincenzo srl, che non ha previsto l’assorbimento delle tredici unità, commentando la vicenda: “Lotteremo fino alla fine contro le ingiustizie “.

Padri di famiglia, nella maggior parte dei casi monoreddito, da oltre un ventennio lavorano nello stabilimento di Pascarola, assunti tramite le varie aziende che si sono susseguite con le aggiudicazioni delle gare di appalto.

Già dalle prime ore del mattino, come per iniziare quel lavoro strappato dalla sera alla mattina, hanno presidiato l’area antistante l’ingresso, insieme a loro c’è Luigi Riccardi della U.L.S.S.A. che si unisce alla loro battaglia: “Hanno sempre svolto il loro lavoro con professionalità e diligenza , tutto questo calpesta la dignità e toglie alle loro famiglie quel poco di serenità.

 

Non capiamo i motivi e questi atteggiamenti nei confronti di questi lavoratori, e soprattutto silenzio dello Stabilimento, cosa hanno fatto questi lavoratori per meritarsi questo? Come si può trattare così chi per anni se anche sotto datori di lavoro esterni ha lavorato in Unilever, tutto cioó è inaccettabile . Calpestare così la Dignità delle persone, sanno cosa significhi a rimanere senza lavoro e cosa provano questi lavoratori quando non potranno più comprare da mangiare ai loro figli? Chiediamo rispetto e solidarietà per queste persone”.

Unitamente al presidio a tempo indeterminato, è stata inoltrata alla Prefettura di Napoli la richiesta di un tavolo di confronto tra le parti interessate. In tarda serata di ieri è arrivata la convocazione della ditta San Vincenzo srl per il giorno 11 marzo c.m. alle ore 15:00.