Volla, scandalo edilizio: l’opposizione chiede un consiglio straordinario

La preoccupazione deriva soprattutto dal fatto che molti di questi immobili sono stati venduti a cittadini estranei a qualsiasi procedimento e che magari hanno acquistato con sacrificio

0
1597

Alla luce del provvedimento con cui, in via preventiva, sono stati sequestrati 250 immobili sul territorio vollese, alcuni dei quali abitati da cittadini estranei a qualsiasi procedimento penale, i consiglieri dei gruppi politici di minoranza Andrea Viscovo e Flora Formisano (CittadiniXVolla), Giuseppe Annone e Raffaele Castiello (Fratelli d’Italia) e Domenico Viola (PD) hanno protocollato una richiesta di convocazione di un consiglio comunale urgente sul tema.

In particolare, si legge nella nota, il fine é quello di conoscere l’azione politica che la maggioranza intende porre in essere per fronteggiare le eventuali conseguenze e ripercussioni per la cittadinanza.

La preoccupazione dei consiglieri che denunciano da tempo il silenzio del Sindaco, che ha anche le deleghe all’urbanistica, deriva soprattutto dal fatto che molti di questi immobili sono stati venduti a cittadini estranei a qualsiasi procedimento e che oggi si ritrovano sequestrati gli immobili che magari hanno acquistato con sacrificio.
A ciò si aggiunge il problema urbanistico e le conseguenze che il provvedimento potrebbe avere.

Ad oggi il Sindaco e la maggioranza continua ad essere silente. Con questo consiglio comunale dovrà necessariamente uscire allo scoperto e chiarire alla città le proprire posizioni.

 

Condividi
PrecedenteFacebook e Instagram down. Panico 4.0!
SuccessivoTorre del Greco: città sommersa dai rifiuti
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.