Global Strike per l’ambiente, in migliaia a Napoli

Tantissimi studenti, ma anche associazioni, sindaci e comitati territoriali della regione

0
208

Oggi è la giornata dello sciopero globale dedicato all’ambiente, per difendere il futuro dalla distruzione e dall’inquinamento. Anche a Napoli hanno manifestato in 15mila chiamati dall’appuntamento nazionale di Friday for Future per rivendicare un futuro pulito e sano, non contaminato dalle politiche che sfruttano solo le risorse per poi lasciare territori devastati, morti. In Campania l’esempio, quello più evidente, di devastazione è sicuramente rappresentato dalla ‘terra dei fuochi’, una zona situata a cavallo tra la provincia di Napoli e Caserta e che riguarda l’interramento di rifiuti tossici e speciali e l’annesso sistema di roghi per far scomparire tutti i residui degli sversamenti illegali.

 

 

E così dichiarano i giovani scesi in piazza: “la terra dei fuochi, seppur rappresentativa della crisi ambientale regionale, è solo uno dei tanti casi di devastazione e potrebbe essere affiancata tranquillamente dalle politiche sulle grandi opere inutili come tav, tap e tante altre.

Oggi siamo qui per dire basta e riappropriarci del nostro futuro, un futuro sano e pulito, contro tutti coloro che sfruttano la terra, speculano sull’ambiente e distruggono non solo il nostro territorio ma anche la nostra salute. Chiediamo a gran voce, insieme alla realtà nazionale Fridays For Future, che i ricchi, proprio coloro che hanno dato il via al biocidio, paghino per ciò che fanno tutti i giorni nei confronti del nostro habitat”.

E. I.