Salerno: ‘Luci d’artista’, irregolarità negli appalti

Le indagini sin qui svolte hanno dato modo di accertare che l'iter procedurale ha consentito l’affido di lavori e forniture ad un ristretto novero di società

405

La Procura regionale della Corte dei Conti per la Campania ha riscontrato irregolarità nell’assegnazione di appalti per i lavori di ‘Luci d’artista’, kermesse che si svolge annualmente a Salerno nel periodo natalizio. La Procura

 

regionale dopo accertamenti della Guardia di Finanza, ha individuato quali responsabili del danno erariale due dirigenti e un funzionario del comune di Salerno, i quali avrebbero arrecato un danno erariale di circa 850mila euro. Nei loro confronti sono stati notificati formali atti di contestazione.

Le indagini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno riguardano gli appalti di forniture ed opere, nonché le prestazioni rese ed i finanziamenti complessivamente erogati in occasione della decima (anno 2015/2016), undicesima (anno 2016/2017) e dodicesima (anno 2017/2018) edizione dell’evento.

“Le indagini sin qui svolte hanno dato modo di accertare che tale iter procedurale – afferma la Corte dei Conti – ha consentito l’affido di lavori e forniture ad un ristretto novero di società, individuate di volta in volta dai dirigenti comunali, in assenza di trasparenti procedure comparative pubbliche, ledendo così anche i principi di efficienza, imparzialita’ e parita’ di trattamento che dovrebbero caratterizzare l’agire amministrativo”.

Share