Torre Annunziata. Bonifica Sarno, incontro tra studenti, sindaci e dirigenti scolastici

Al termine dell’incontro è stato inaugurato l’impianto fotovoltaico del Liceo Pitagora-Croce, che produrrà energia per l’istituto

813

Oggi pomeriggio, 29 marzo, si è svolto presso il Liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata un incontro tra gli studenti di quattro scuole superiori – oltre al liceo oplontino c’erano il Virgilio Marone di Meta di Sorrento, il Tito Lucrezio Caro di Sarno e l’ITG – L.sc. ‘Leonardo Da Vinci’ di Poggiomarino – per presentare il documento/invito che sarà consegnato il prossimo 4 aprile al Parlamento Europeo sulla questione bonifica del Fiume Sarno.

L’appello, con annessa petizione da sottoscrivere, focalizza l’attenzione sullo stato di salute del fiume, uno dei più inquinati d’Europa, e sulle prospettive per un suo immediato disinquinamento.

“Come è possibile – si legge nel testo – che un corso d’acqua, sinonimo di vita e di prosperità (si pensi solo al fatto che le prime civiltà sono sorte lungo le sue rive), sia diventato invece una sorgente di morte? Quasi tutte le forme di vita che lo abitavano si sono estinte; si ritiene che alcune specie, come le rane, abbiano subito mutazioni genetiche; ma soprattutto negli ultimi anni si è assistito ad un aumento, tra gli abitanti del bacino idrografico, di diverse malattie, da quelle cardio-respiratorie a quelle tumorali. E’ inaccettabile che la mortalità per cancro in questa regione raggiunga livelli molto più alti rispetto a quelli della media nazionale”.

L’iniziativa è strettamente collegata al movimento internazionale in difesa dell’ambiente diffusosi grazie alla ‘provocazione’ della giovane Greta Thunberg. L’impegno degli studenti sulla questione dell’inquinamento del pianeta ha però voluto caratterizzarsi su un esempio locale di distruzione del territorio provocata dall’instancabile attività umana di sfruttamento delle risorse naturali. E’ così che il fiume Sarno ha assunto il ruolo simbolo di questa campagna.

“L’dea di questo documento-appello nasce sicuramente dall’adesione degli studenti al movimento ‘Greta’, dallo stimolo che vogliono dare ad una classe di governanti e di ‘adulti’ spesso distratta, se non complice, in merito al disastro ambientale che i nostri territori vivono”. Così spiega Benito Capossela, preside del Liceo Pitagora-Croce. E continua: “Noi dirigenti scolastici abbiamo deciso di appoggiare i ragazzi in questo percorso ambizioso ma optando per un’azione di accompagnamento nell’approcciare al movimento più generale propagatosi grazie all’iniziativa della piccola eroina svedese. Questo per assumere un ruolo di scudo e sentinella nei confronti di chiunque volesse strumentalizzare il loro sano attivismo e fungere da guida nella loro meritevole ricerca di autonomia”.

All’appuntamento di oggi erano presenti i sindaci di Torre Annunziata, Meta, Sarno e Poggiomarino, i dirigenti scolastici delle strutture facenti parte del progetto ‘In rete per l’Europa’, rappresentanti delle forze dell’ordine, responsabili Legambiente Campania e Zero Waste.

Ha partecipato all’iniziativa anche Don Tonino Palmese, vicario episcopale della diocesi di Napoli, il quale ha calorosamente salutato i tanti studenti che gremivano l’aula magna esortandoli a continuare in quest’opera dall’alto valore civile e sociale: “Negli ultimi anni anche la chiesa ha indicato come l’uomo deve assumere un altro atteggiamento di vita, alternativo a quello di oggi. Con voi sperimentiamo un passo avanti rispetto al pur importante bisogno di libertà e cioè affiancare a questo anche il bisogno di responsabilità. In questo vostro tentativo di coinvolgimento delle istituzioni avete dimostrato che un modo altro di fare politica esiste. Avete avuto compassione della politica malata, non l’avete disprezzata. La stessa politica malata che in tanti anni ha pensato solo a come spartirsi i soldi stanziati per la bonifica del fiume impedendone di fatto il disinquinamento”.

La giornata è stata anche momento utile per presentare la grande manifestazione in programma per venerdì 7 giugno. Una mobilitazione, a piedi ed in bici, che partirà da Sarno ed arriverà fino alla foce del fiume per poi concludersi con un’azione di bonifica dell’arenile.

Al termine dell’incontro è stato inaugurato l’impianto fotovoltaico del Liceo Pitagora-Croce, che produrrà energia per l’istituto. All’impianto è stato collegato anche un monitor posto all’ingresso della struttura che rileverà in tempo reale l’energia prodotta. Come dire, non di sole parole è fatta la nuova politica ambientale, ma anche di pratiche. E questa è sicuramente una buona pratica.

Enzo Iandolo