Torre Annunziata. Bomba carta in centro storico, sindaco condanna

La reazione del sindaco Ascione e dell'amministrazione comunale oplontina

628

Ieri sera intorno alle 22.00 una bomba carta è esplosa davanti al minimarket alimentare “Eccomi qua” di corso Vittorio Emanuele III di Torre Annunziata, nei pressi della farmacia Talamo.

Un grosso boato, i vetri delle finestre delle abitazioni vicine hanno tremato, mentre quelle pochissime persone che ancora stavano per strada sono scappate impaurite, nessuno è rimasto ferito. Sul posto gli agenti del Commissariato di Polizia di Torre Annunziata per i primi rilievi.

La dinamica sembra non lasciare dubbi sulla matrice camorristica dell’accaduto. L’ennesimo atto intimidatorio della criminalità ai commercianti della zona. Sembra che il titolare del minimarket avesse già denunciato giorni fa l’esplosione di colpi d’arma da fuoco contro il suo negozio.

Sullo scoppio della bomba carta in pieno centro città prende parola anche il sindaco Ascione e tutta l’amministrazione comunale. Di seguito la nota arrivata dal comune oplontino.

«L’Amministrazione comunale, dopo l’increscioso episodio di lunedì sera, moltiplicherà gli sforzi per contrastare tali fenomeni di criminalità. Ripone piena fiducia nell’attività delle Forze dell’ordine e della Magistratura e sull’apporto di Prefettura e Osservatorio per la Legalità. Invita, nel contempo, imprenditori e forze sane della città a denunciare eventuali tentativi di intimidazione o vessazione da parte della malavita locale».