Teatro San Ferdinando – “Medea di Portamedina”

Dal 26 aprile al 5 maggio, drammaturgia e regia di Laura Angiulli

0
419

Dal 26 aprile al 5 maggio prossimi, al teatro San Ferdinando, il Teatro Stabile di Napoli presenta “Medea di Portamedina” da Francesco Mastriani (Napoli 1819- 1891), drammaturgia e regia di Laura Angiulli (v. foto).


Mastriani fu scrittore, giornalista e drammaturgo, difensore delle classi più deboli (cui egli apparteneva),  Inerpreti del lavoro sono: Alessandra D’Elia, Pietro Pignatelli, Francesca Aiello, Paolo Aguzzi, Antonio Chiummariello, Michele Danubio, Luciano Dell’Aglio, Caterina Pontrandolfo, Caterina Spadaro, Antonio Speranza, Fabiana Spinosi; le scene sono di Rosario Squillace, le musiche originali di Daniele Sepe.

Il racconto scenico, traendo lo  spunto dal romanzo dell’autore (edito postumo), ha i canoni fondamentali della tragedia classica che Mastriani trasferisce in una Napoli da romanzo popolare  del secolo IX. E’ la  storia di

Coletta Esposito, donna imperiosa e decisa, che prova amore intenso per il  suo amante, Cipriano Barca; l’uomo aderisce al rapporto  senza entusiasmo, anche se nasce una bambina, la donna tende sempre più a far prevalere le sue volontà con prepotenza, aprendo strade a Cipriano la caccia di altre donne; trova Teresina che acconsente anche al matrimonio, evento durante il quale  Coletta, spinta dall’odio, va in chiesa con la bimba,  che ammazza al cospetto di tutti,  poi uccide la sposa e Cipriano. Quindi  il finale è  quello della tragedia classica, cui si riferisce anche il titolo.

Federico Orsini