L’edizione 2019 dell’Indice sulla libertà di stampa di Reporters Sans Frontieres (RSF) mostra che l’odio verso i giornalisti è aumentato fino alla violenza, il che è un fattore di crescente paura. Il numero di paesi considerati sicuri, dove i giornalisti possono esercitare in sicurezza la loro professione, continua a ridursi, mentre i regimi autoritari rafforzano il loro controllo sui media.

La classifica RSF, che annualmente valuta lo stato del giornalismo in 180 paesi e territori,  rivela l’innesco di una meccanica della paura molto dannosa per il sereno esercizio del giornalismo. L’ostilità nei confronti dei giornalisti e persino l’odio diffuso in molti paesi dai leader politici hanno provocato atti di violenza sempre più gravi e frequenti, che comportano maggiori pericoli e, di conseguenza, un nuovo livello di paura in alcune zone.

“Se il dibattito politico scivola surrettiziamente o manifestamente verso un’atmosfera di guerra civile, dove i giornalisti sono vittime espiatorie, i modelli democratici sono in grave pericolo” – ha detto Christophe Deloire, segretario generale di RSF. Fermare questo meccanismo di paura è un’emergenza assoluta per donne e uomini di buona volontà, legati alle libertà acquisite nel corso della storia.

Nella classifica del 2019, la Norvegia rimane per il terzo anno consecutivo al primo posto, mentre la Finlandia (+2) riacquista la seconda posizione a scapito dei Paesi Bassi, dove due giornalisti specializzati

nella criminalità organizzata sono costretti a vivere sotto la protezione permanente della polizia. La recrudescenza del cyberstalking ha fatto perdere un posto alla Svezia (3°). In termini di buone notizie sul continente africano, l’Etiopia (110 °, +40) e il Gambia (92 °, +30) stanno facendo progressi significativi.

Diversi regimi autoritari perdono posti in classifica. È il caso del Venezuela (148 °, -5), dove i giornalisti si sono dovuti confrontare con arresti e violenze inflitte dalla polizia. E la Russia (149 °, -1), dove il Cremlino ha aumentato la pressione contro internet e i media indipendenti, con arresti, ricerche arbitrarie e leggi draconiane. Anche il Vietnam (176 °), seguito dalla Cina (177 °, -1), ha perso un posto. Nel Corno d’Africa, l’Eritrea raggiunge il 178° posto, nonostante la pacificazione delle sue relazioni con l’Etiopia, mentre il Turkmenistan (180 °, – 2) è ora l’ultimo, al poso della  Corea del Nord (179 °, +1).

Solo il 24% di 180 paesi e territori ha una situazione “buona” (zona bianca) o “abbastanza buona” (zona gialla) rispetto al 26% dello scorso anno. Gli Stati Uniti (48°), dove un clima sempre più ostile si è instaurato dopo le esternazioni di Donald Trump, hanno perso tre posizioni nel 2019 e si sono ritrovati nella zona arancione, che segnala una situazione problematica. Mai i giornalisti americani sono stati sottoposti a così tante minacce di morte. Non avevano mai sollecitato le compagnie private a garantire la loro sicurezza. L’avversione nei confronti dei media è tale che nel Maryland un uomo ha deliberatamente aperto il fuoco nella redazione del quotidiano locale di Annapolis, The Capital Gazette, uccidendo cinque persone. Prima di compiere l’insano gesto, l’assassino aveva abbondantemente condiviso il suo odio per il giornale sui social network.

Minacce, insulti e aggressioni fanno ormai parte dei “rischi del mestiere” del giornalismo in molti paesi. In India (140°, -2), dove i critici dell’ideologia nazionalista indù sono descritti come elementi “anti-indiani” nelle campagne di molestie informatiche, sei giornalisti sono stati assassinati nel 2018. In Brasile (105 °, – 3), dalla campagna elettorale, la stampa è diventata un bersaglio per i sostenitori di Jair Bolsonaro, sia sul terreno virtuale che fisico.

Il coraggio dei giornalisti investigativi braccato

In questo clima di diffusa ostilità, ci vuole coraggio per continuare a indagare sulla corruzione, l’evasione fiscale o la criminalità organizzata. In Italia (43°, +3), il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha considerato la possibilità di revocare la scorta della polizia al giornalista Roberto Saviano in seguito alle sue critiche contro il leader della Lega, mentre un pò in tutto il mondo e soprattutto in Algeria (141°, -5) o Croazia (64 °, +5), i media e i giornalisti stanno affrontando crescenti vessazioni giudiziarie.

I procedimenti contro i giornalisti investigativi in ​​Francia oppure a Malta (77°, -12) mirano a sfinirli finanziariamente, o addirittura a condurli in prigione, come in Polonia (59 °, -1), dove i giornalisti del quotidiano Gazeta Wyborcza sono minacciati per aver tirato in ballo il leader al potere in un affare riguardante appalti su

costruzioni poco trasparenti. Questo è anche il caso della Bulgaria (111°), dove due giornalisti indipendenti sono stati arrestati mentre investigavano sulll’appropriazione indebita di fondi europei. Oltre alla pressione giudiziaria, i giornalisti investigativi affrontano molteplici forme di intimidazione mentre il loro lavoro cerca di far luce su pratiche o casi di corruzione. La casa di uno tra questi è stata incendiata in Serbia (90°, -14), mentre altri sono stati freddamente uccisi, come a Malta, in Slovacchia (35 °, -8 ), in Messico (144°, +3) o Ghana (27°, -4).

La caccia ai giornalisti che, pubblicamente, intralciano l’esercizio del potere sembra non avere limiti. Il sordido omicidio dell’editorialista saudita Jamal Khashoggi, è stato un messaggio agghiacciante ai giornalisti ben oltre i confini del regno dell’Arabia Saudita (172°, – 3). Per paura delle loro vite, molti giornalisti nella regione praticano l’autocensura o hanno appena smesso di scrivere.

L’Unione europea e i Balcani hanno registrato il secondo peggioramento in classifica (+ 1,7%). In questa zona dove la libertà di stampa è più rispettata e resta un principio sicuro, i giornalisti devono oggi far fronte a nuove e pericolose minacce: gli omicidi a Malta, in Slovacchia e Bulgaria (111°) , gli attacchi verbali e fisici, come in Serbia e

Montenegro (104°, -1), o un nuovo livello di violenza durante le dimostrazioni dei “gilet gialli” in Francia (32°,+1) dove molte squadre di ripresa televisive non mostrano più il proprio logo né coprono gli eventi se non accompagnati da guardie del corpo. La stigmatizzazione dei giornalisti appare sempre più disinibita: in Ungheria (dell’87°, -14), funzionari del partito di Viktor Orban si rifiutano di rispondere alle domande dei giornalisti che non lavorano per i media considerati “amici di Fidesz “. In Polonia, sono i mezzi di comunicazione pubblici trasformati in strumenti di propaganda che permettono, in modo sempre più intensivo, di esercitare pressioni sui giornalisti.

Share