Napoli. Agguato camorra, Fico esorta Salvini ad agire

La bambina di 4 anni ferita nella sparatoria è in coma farmacologico indotto e le sue condizioni cliniche appaiono estremamente gravi

388

Dopo l’agguato di camorra di ieri in pieno centro città, in piazza Nazionale, che ha provocato il ferimento di tre persone, tra cui una bambina di 4 anni che si trova all’ospedale in condizioni gravissime dopo che un proiettile

 

le si è conficcato in petto, ed un pregiudicato colpito da sei proiettili e le cui condizioni sono disperate, arrivano le prime reazioni istituzionali.

Il Presidente della Camera Roberto Fico:“E’ inaccettabile che clan si sparino in centro, a Napoli, per il controllo del territorio. Non può continuare una situazione del genere in una società civile. Questo è un fenomeno che non bisogna contenere: bisogna distruggerlo, annientarlo”.

“Mi aspetto che il ministro dell’interno attenzioni Napoli ai massimi livelli. Io ho parlato e portato la questione all’attenzione di polizia e dirigenti. Dobbiamo debellare questo fenomeno, bisogna agire”, ha aggiunto Fico.

Il sindaco Luigi de Magistris: “Preghiamo per la piccola bimba che lotta per la vita al Santobono perché colpita da un proiettile di un vile criminale indegno di appartenere all’umanità. Il pensiero e la preghiera del popolo napoletano sono con il cuore per questa innocente creatura. Siamo sconvolti, Napoli si stringe attorno alla famiglia”.