Mare Jonio salva migranti, Salvini: porti chiusi

Salvini ha dichiarato che “i porti restano chiusi per la nave dei centri sociali'

296

Nelle prime ore del mattino di oggi, venerdì 10 maggio 2019, l’imbarcazione Mare Jonio è stata raggiunta da due unità della Guardia di Finanza per un controllo di polizia.  La Mare Jonio, con a bordo 30 persone salvate nel tardo

pomeriggio di ieri a 40 miglia dalle coste libiche, una volta entrata in acque territoriali italiane -12 miglia a sud di Lampedusa- ha chiesto l’ingresso in porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e bambini. A darne notizia la ong Mediterranea Saving Humans.

A tale richiesta il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ribadisce però la linea “porti chiusi”. La reazione del Governo italiano alla richiesta di sbarco da parte della ong è di rifiuto insomma. Nella serata di ieri Salvini ha dichiarato che “i porti restano chiusi per la nave dei centri sociali. Un conto è una nave della Marina Militare, che attraverso il suo ministro di riferimento si assumerà le proprie responsabilità, un altro una nave di privati o dei centri sociali come la Mare Jonio. Per loro, i porti restano chiusi”.

Due pesi e due misure sembra voler adottare, quindi, il governo italiano su chi accogliere nei porti italici. Infatti ad una nave della Marina militare è stato concesso di far sbarcare nel porto di Augusta i 30 migranti che aveva soccorso ieri al largo della Libia. A quanto pare l’assenso allo sbarco è stato dato dopo che  il Governo ha ottenuto la disponibilità di Malta, Francia e Lussemburgo (e forse Germania e Spagna) ad accogliere i migranti.

E.I.

 

 

Share