Premio Città di Angri, successo di critica e pubblico

Per il terzo anno consecutivo la partnership tra l’Evento Angrese ed il Liceo La Mura continua a raccogliere consensi positivi

424

La sezione inaugurale della 16° edizione del Premio Città di Angri decolla. La cerimonia di consegna premi è stata un successo in termini di pubblico e soprattutto di critica. Per il terzo anno consecutivo la

 

partnership tra l’Evento Angrese ed il Liceo La Mura continua a raccogliere consensi positivi. E ci sono già altri Enti territoriali che si sono proposti per stipulare appositi accordi al fine di organizzare ulteriori manifestazioni culturali a favore del loro territorio di riferimento.

È il caso della Comunità Montana degli Alburni, che intervenendo alla rassegna Angrese tramite il suo Presidente del Consiglio Martino Di Rosario ha prospettato un evento simile nella parte più a Sud della Provincia di Salerno. Ad aprire il momento della premiazioni ufficiali è stata L’Onorevole Virginia Villani che portando il saluto istituzionale della Commissione Cultura della Camera dei Deputati ha omaggiato la Rettrice dell’Università “L’Orientale” di Napoli Elda Morlicchio per aver elevato sensibilmente il livello culturale dell’Ateneo Partenopeo.

La BIMED Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo – altro partner del Premio – ha invece conferito l’Ambito Trofeo – raffigurante una riproduzione fedele e parziale del Castello Doria, emblema della Città di Angri – al Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli Francesco Mercurio. Questi ha promesso ai numerosi angresi presenti in sala di impegnarsi personalmente per far nascere una vera e funzionale biblioteca anche nel cuore dell’Agro Nocerino. Il Consigliere Provinciale Giovanni Guzzo ha premiato l’U.S. Angri 1927 a nome della Provincia di Salerno.

È toccato poi al consigliere dell’ordine dei giornalisti Prof. Salvatore Campitiello gratificare, a nome dell’Assostampa Valle del Sarno, il mensile cittadino “Angri 80” in occasione dei suoi primi 35 anni di ininterrotta pubblicazione. Siparietto simpatico e

divertente quando il Padre Spirituale dell’Evento, Don Luigi La Mura, ha premiato il Professor Paolo Sessa, front man della rock band “Malatja”: il diavolo e l’acquasanta costruttivamente a confronto. Gradito ritorno all’evento è stato quello di Giuseppe De Caro: il giornalista della RAI Campania dopo aver ricevuto un apposito riconoscimento nella passata edizione della manifestazione, è tornato quest’anno in veste di premiante al fine di omaggiare la sua collega della RAI Basilicata – ma angrese DOC – Viviana Pentangelo.

Standing Ovation per Enrica Bonaccorti che è ritornata al Premio Città di Angri dopo 15 anni. Era il 2004 quando nell’ambito dello stesso evento le veniva attribuito il titolo simbolico di “Ambasciatrice della cultura Angrese in Italia e nel mondo”. Oggi, la “sua” Angri, terra dei suoi nonni e di sua mamma ha voluto attribuirle un Premio alla Carriera. A consegnarglielo è stato il “padrone di casa”, il Dirigente Scolastico del Liceo La Mura Professor Filippo Toriello che ha già prospettato novità per le future edizioni del Premio sottolineando come il binomio “scuola – cultura” funziona alla perfezione per r il territorio e per chi lo vive quotidianamente.

Un Premio Speciale è andato alla più forte realtà economica ed imprenditoriale locale, vale a dire il colosso industriale La Doria S.p.A. E’ stata infine omaggiata, dall’Assessore Comunale Maria D’Aniello, la memoria del compianto Professore del Liceo Gerardo Atipaldi. La cerimonia di consegna premi – trasmessa in diretta streaming sui canali social dell’organizzazione oltre che sul sito ufficiale – è stata magistralmente condotta dal “Patron” del Premio Giuseppe Novi.

Tutti i presenti hanno dimostrato di gradire ancora una volta, l’ormai collaudata formula di spettacolo-premiazione-riflessione che il Premio offre, ma, ancor più, hanno apprezzato il coinvolgimento diretto dei ragazzi che, oltre a partecipare attivamente all’organizzazione dell’evento, sono stati protagonisti assoluti alla premiazione sia con domande rivolte agli illustri partecipanti sia con performance artistico-culturali live.