Sorrento, il Museo Correale ospita il fotografo siciliano Giuseppe Leone

Nell'ambito del progetto speciale “Grand Tour”, promosso dal Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, in collaborazione con il Comune di Sorrento e l’Assessorato al Turismo della Regione Campania

220

Il Museo Correale ospita il fotografo siciliano Giuseppe Leone per il progetto speciale “Grand Tour”, promosso dal Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, in collaborazione con il Comune di Sorrento e l’Assessorato al Turismo della Regione Campania.

Un viaggio che, proprio come il famoso Grand Tour, porterà alla scoperta delle meraviglie della Campania e che dal 3 al 9 giugno vedrà come protagonista la perla della costiera sorrentina con una “Residenza artistica”, ovvero un programma di ospitalità con realizzazione di opere esclusive dedicate alla Campania e alle sue bellezze.

Al centro il fotografo Giuseppe Leone, siciliano (vive e lavora a Ragusa), da oltre cinquant’anni racconta la Sicilia attraverso immagini di persone, luoghi, feste, paesaggi e architetture, quasi sempre in bianco e nero. In veste di narratore ha condiviso l’esperienza profonda del Mediterraneo pubblicando volumi insieme ad autori del calibro di Leonardo Sciascia, Gesualdo Bufalino, Vincenzo Consolo, Andrea Camilleri, senza mai cadere nello stereotipo.

«Attraverso questa iniziativa speciale, Sorrento e la Penisola sorrentina guardano con orgoglio alla propria tradizione di “terra” d’approdo, tanto amata da scrittori, poeti, pittori e vedutisti dal Settecento in poi» commenta il direttore artistico del progetto Peppe Leone, accademico ed artista proveniente dal Sannio.

«La “Residenza” avrà come base il Museo Correale di Sorrento – spiega l’organizzatore dell’evento Mario Esposito – importante casa nobiliare appartenuta ai patrizi sorrentini Alfredo e Pompeo, divenuta celebre anche per quel filone di pittura di viaggio e paesaggio noto come “Scuola di Posillipo”, i cui esponenti più importanti, come Van Pitloo, Duclère, Gigante, trovano ampia espressione nelle antiche sale di via Correale».

L’importante istituzione museale sorrentina, presieduta da Gaetano Mauro, è un vero simbolo del Grand Tour. Su una parete esterna dell’ingresso principale è collocata, infatti, una lapide marmorea con il nome dei più illustri viaggiatori passati per Sorrento. Qui dal 5 al 9 giugno mattina, data conclusiva in cui si terrà il finissage con l’autore, sarà possibile ammirare, in una mostra curata da Emanuela Alfano e dal direttore del Museo Correale Filippo Merola, alcune delle più belle opere del maestro della fotografia dagli anni ‘70 ad oggi, per un percorso artistico che spazierà dal Barocco al Neorealismo.

Il progetto ha ottenuto anche l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, oltre a quello dell’UPI Campania e dell’Associazione Patrimoni del Sud che raccoglie in rete i siti Unesco del Mezzogiorno.