Prima faida di Scampia: 12 arresti per gli omicidi del 2004

Dalle indagini effettuate è chiara la volontà di epurare il clan dai vecchi referenti territoriali di Mugnano e di Melito, per insediarvi nuove figure gradite al capo dell’epoca

396

La Squadra Mobile di Napoli ha dato esecuzione oggi ad un’ordinanza di custodia cautelare che ha disposto la custodia in carcere nei confronti di 12 indagati, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, ad esito di articolate indagini della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti dei responsabili di tre efferati omicidi commessi nel corso del 2004, che disegnano la parabola criminale che condurrà alla prima faida di Scampia.

Due vicende (il duplice omicidio Raffaele Duro e Salvatore Panico, nonché l’omicidio di Federico Bizzarro) maturano nel periodo immediatamente antecedente la guerra tra clan scoppiata nel medesimo anno nell’area nord di Napoli; il terzo (omicidio di Gaetano De Pasquale) venne perpetrato all’inizio stesso della faida, dopo soli tre giorni dallo scoppio del conflitto, che coincide con il duplice omicidio ai danni di Fulvio Montanino e Claudio Salierno, due dei principali luogotenenti e killer rimasti fedeli a Cosimo Di Lauro (28.10.2004)

Le attività di indagine – fondate su dichiarazioni di collaboratori di giustizia, intercettazioni ed un’ampia messe di riscontri – hanno consentito di ricostruire mandanti ed esecutori materiali degli eventi delittuosi e soprattutto di individuare una precisa causale per ciascuno di essi.

La figura di Cosimo Di Lauro si staglia drammaticamente come mandante degli omicidi di Raffaele Duro e Salvatore Panico, nonché di quello di Federico Bizzarro; in entrambi si coglie la volontà di epurare il clan dai vecchi referenti territoriali di Mugnano e di Melito, per insediarvi nuove figure gradite al capo dell’epoca. Gaetano De Pasque viene invece sequestrato e poi ucciso dagli scissionisti, con modalità particolarmente efferate, per il timore che si riveli una spia di Di Lauro, capace di indicare ai gruppi di fuoco del Terzo Mondo i covi degli avversari.

I soggetti colpiti da misura cautelare sono i vertici dell’epoca sia del clan Di Lauro che degli esponenti delle famiglie scissioniste.

I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono:

DI LAURO Cosimo, nato a Napoli l’8.12.1973

ABETE Arcangelo, nato a Napoli il 6.10.1969

NOTTURNO Enzo, nato a Napoli il 25.8.1977,

MONTANINO Antonio, nato a Napoli il 6.11.1977

MARINO Gennaro, nato a Napoli il 24.10.1969

MAURIELLO Ciro, nato a Napoli il 29.11.1967

CALZONE Rito, nato a Napoli il 3.5.1974

PAGANO Cesare, nato a Napoli il 22.10.1969

CAIAZZA Ciro, nato a Napoli il 18.12.1959

CARRIOLA Lucio, nato a Napoli il 29.11.1974

PAGANO Carmine, nato a Napoli il 5.11.1984