Suicida professore accusato di abusi su studentesse

L'uomo, 53 anni, era ai domiciliari nella sua residenza nel comune di Quarto

363

Si è ucciso sparandosi un colpo di pistola al petto, utilizzando la sua pistola regolarmente registrata, il docente di matematica del

 

liceo classico Giambattista Vico di Napoli arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di aver abusato di due studentesse all’epoca dei fatti quindicenni. L’uomo, 53 anni, era ai domiciliari nella sua residenza nel comune di Quarto.

Probabilmente l’uomo non ha retto e la vergogna di un’indagine così infamante e la gogna mediatica.

Al centro dell’indagine che lo riguardava, coordinata dal pool della Procura di Napoli, le chat tra l’uomo e due ragazze minorenni. Il suicida aveva due figli. Un messaggio, diffuso sui social da colleghi e conoscenti, informa della manifestazione indetta per stasera al Liceo Vico. Gli studenti e le famiglie si riuniscono per ricordare il docente

Condividi
PrecedenteRobot in classe insieme agli insegnanti presto realtà
SuccessivoChiasso lo disturba, uomo spara: un morto e due feriti
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.