Caos trasporti a Napoli, Fiavet: disagi inaccettabili

Ettore Cucari, Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo: 'Quanto accaduto oggi sulla linea 1 della metropolitana di Napoli e ieri nel porto di Ischia e lungo la linea ferroviaria per Sorrento è inaccettabile: in una meta turistica di livello mondiale, gli ospiti non possono essere costretti a patire certi disagi'

204

«Quanto accaduto oggi sulla linea 1 della metropolitana di Napoli e ieri nel porto di Ischia e lungo la linea ferroviaria per Sorrento è inaccettabile: in una meta turistica di livello mondiale, gli ospiti non possono essere costretti a patire certi disagi».

Così Ettore Cucari, presidente della Fiavet Campania-Basilicata (Federazione italiana associazioni imprese viaggi e turismo), commenta i tre episodi che, negli ultimi due giorni, hanno caratterizzato il trasporto pubblico locale: la

sospensione dei collegamenti marittimi per il porto di Ischia, dovuta a un traghetto arenatosi nel porto, il blocco del treno Napoli-Sorrento, provocato dal danneggiamento del convoglio da parte di alcuni balordi, e oggi lo stop alla linea 1 della metropolitana di Napoli, legato a un guasto verificatosi tra le fermate di Vanvitelli e Medaglie d’Oro.

«Siamo soddisfatti del costante aumento degli arrivi e delle presenze di turisti a Napoli e nel resto della Campania – continua Cucari – ma non possiamo non rilevare come a questo crescente interesse per la nostra regione non sia seguito un miglioramento del servizio di trasporto pubblico locale e, più in generale, della rete di assistenza e di accoglienza degli ospiti. Oltre che con le inefficienze del sistema dei trasporti, infatti, operatori e turisti devono fare quotidianamente i conti con la mancanza di info-point e di altri servizi fondamentali su gran parte del territorio».

«La situazione ci preoccupa in vista delle Universiadi che, dal 3 al 14 luglio, animeranno decine di impianti sportivi e di location culturali nelle cinque province della Campania – conclude Ettore Cucari – L’evento rappresenta una prestigiosa

vetrina e un notevole volano di sviluppo per la nostra regione, ma le inefficienze e le lacune palesate dalla rete di assistenza e di accoglienza degli ospiti rischiano di far perdere alla Campania questa straordinaria occasione. Se il caos si scatena in un periodo che non è ancora quello di massimo afflusso di turisti e quando non sono ancora cominciate le Universiadi, come saranno gestiti i flussi di ospiti nelle prossime settimane?»

Condividi
PrecedenteSomma Vesuviana, Gori: 24 giugno stop erogazione idrica
SuccessivoLegambiente: Circum, la situazione è vergognosa
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.