Forum e Carnevale: elezioni nel segno della continuità a Striano

Nel segno della continuità confermata coordinatrice del forum strianese Antonia Falco ed eletto presidente del Carnevale Gennaro Rega

231
forum e carnevale

Continuità è la parola d’ordine per il Forum dei Giovani e l’associazione Carnevale Strianese della città di Striano.

Lo scorso fine settimana sono state svolte le elezioni dei componenti del consiglio direttivo del Forum giovanile e del presidente di uno dei carnevali più belli della Campania.

Antonia Falco coordinatore per la seconda volta

Confermato con un buon risultato il coordinatore del Forum dei Giovani di Striano, Antonia Falco.

Cattolica, già educatrice di Azione Cattolica, volontaria della pro-loco, vicina all’associazionismo universitario, da sei anni nel forum, Falco è risultata la prima eletta tra i membri del direttivo.

Accanto al coordinatore è stato riconfermato Danilo Castaldo nel suo ruolo di vice.

Primizia del direttivo la segretaria Giovanna Minichini.

Gli altri eletti: Severino Ammirati, Pasqualina Carbone, Lorenzo Casillo, Gianmarco Del Giudice, Pasquale Franzese, Silvia Gragnanelli, Valentina Nunziata e Riccardo Serafino.

Affluenza altissima di giovani strianesi alle urne: un successo che onora esclusivamente l’ottimo lavoro svolto dal forum in questi ultimi anni.

La realtà giovanile è riuscita ad avvicinare tanti alla partecipazione attiva. Le numerose iniziative messe in campo negli ultimi anni sono riuscite a svegliare le coscienze di tanti giovani.

Le potenzialità del forum sono tante e in questi anni sono state ben sfruttate.

Gennaro Rega è il nuovo presidente del Carnevale

Sabato pomeriggio Gennaro Rega è stato eletto presidente dell’associazione del Carnevale.

Il gruppo compatto dei maestri cartapestai hanno conferito il mandato, segno di continuità essendo Rega vicino al direttivo dell’uscente Nando Prospero Ferrara.

“Grazie a quanti mi hanno sostenuto” dichiara Gennaro Rega. “La priorità è quella di dare ai maestri cartapestai un luogo sicuro ed adeguato per costruire i carri allegorici. Spero di ricevere l’aiuto degli uffici comunali preposti e dell’amministrazione comunale. Sono sicuro che tutti remeremo nella stessa direzione”.

Polemiche e discussioni negli ultimi giorni sono state sollevate da più parti circa le candidature.

Dopo la discesa in campo di Gennaro Rega e di Sabatino Guerra, quest’ultimo con molto stupore ha rinunciato alla sua candidatura.

Cresciuti entrambi nel carnevale, sin dalla prima adolescenza, il secondo ha abbandonato l’idea perché non poteva “reggere l’enorme mole di lavoro che spetta all’operato del presidente” essendo titolare di una bella realtà commerciale nella città alla destra del fiume Sarno.

Gennaro Rega è risultato essere l’unico candidato alla presidenza carnascialesca. Tanti hanno parlato di “vicinanze politiche” al consigliere d’opposizione Gerli in antitesi a Guerra che secondo alcuni era l’uomo del neoeletto sindaco Del Giudice.

In questa situazione, però, molti hanno omesso la passione e caparbietà di due giovani che nel carnevale hanno visto i natali, nel carnevale hanno sudato, nel carnevale hanno impiegato il tempo dei weekend più belli.

Una chiara mancanza di pressioni e influenze politiche

Sia il carnevale che il forum sono stati oggetto di una campagna politica non indifferente.

Nel Carnevale, la mancanza di pressioni politiche, che lo stesso Guerra ha ribadito sui social, hanno testimoniato ancora una volta lo sciacallaggio messo in campo da alcune figure onde denigrare quelli che solo per il mese scorso dovevano essere considerati avversari.

Qualche politico ha alimentato, ancora una volta, il clima di odio e astio che ha caratterizzato la campagna elettorale, con la speranza di poter gettare fango sul Carnevale, sull’associazione e su chi aveva dato la disponibilità a candidarsi.

Il forum e l’associazione del Carnevale erano e continueranno ad essere le associazioni di tutti, aperte a tutti, aperte a quanti vogliono sporcarsi le mani a servizio della comunità senza fini loschi e interessi personali.

Raffaele Massa