Emergenza rifiuti: De Luca detta la linea

Il governatore: "si possono fare siti di stoccaggio uno per provincia, o 4 o 5 per provincia, o piccoli siti di stoccaggio, ma qualcosa dobbiamo pur fare. Evitiamo la solita storia: va trovato un sito di trasferenza provvisoria ma non vicino al mio comune"

223

Coglie la palla al balzo il governatore della regione Campania Vincenzo De Luca per proporre soluzioni in merito alla imminente chiusura dell’inceneritore di Acerra che non pochi

 

problemi apporterà ai comuni nella gestione del ciclo dei rifiuti. Per provare a disinnescare l’ennesima emergenza alle porte, De Luca, intervenendo a radio Crc, si appella al governo per avere una valvola di sfogo: ” l’esecutivo sta lavorando per consentire al comune di Roma di trasferire i rifiuti fuori regione, chiediamo al ministro Costa di riservare una quota anche per Napoli. Mi sembra una richiesta legittima, aspettiamo una risposta”.

L’impianto di combustione acerrano subirà uno stop programmato di 40 giorni circa e per tale periodo si stima che le tonnellate da stoccare e smaltire diversamente saranno 80 mila. Per mettere subito a tacere le voci critiche che si sono già levate dai territori, che si oppongono a qualsiasi ipotesi di attrezzare discariche a cielo aperto per tale periodo, il governatore si barcamena tra la possibilità di far migrare i rifiuti fuori dai confini regionali e la ineluttabilità di trovare aree provinciali per lo stoccaggio temporaneo, richiamando gli Enti d’Ambito a trovare – imporre – soluzioni.

“La soluzione è trovare dei siti di trasferenza oppure portare i rifiuti fuori dalla Campania – insiste De Luca -. In attesa del governo, cominciamo a fare il nostro dovere evitando le solite storie ovvero che nessuno vuole un sito

nel proprio Comune e nascono comitati e sottocomitati. Gli enti d’ambito decidano dove fare questi siti.

“Gli enti d’ambito devono individuare uno o più siti per raccogliere per 40 giorni i rifiuti che non potranno andare nel termovalorizzatore durante la manutenzione straordinaria. Bisogna decidere, i rifiuti non possono sparire” ha aggiunto De Luca.

“80 mila tonnellate non sono la fine del mondo, si possono fare siti di stoccaggio uno per provincia, o 4 o 5 per provincia, o piccoli siti di stoccaggio, ma qualcosa dobbiamo pur fare. Cominciamo a fare noi il nostro dovere ed evitiamo la solita storia: ‘va trovato un sito di trasferenza provvisoria ma non vicino al mio comune’. Decidiamo, i rifiuti non possono sparire”.

Share