Juve Stabia, una rosa mix di esperienza e gioventù

Una rosa che può farsi ben valere in serie B difendendo la categoria, come già sottolineato da mister Caserta

337

 La rosa della Juve Stabia, attualmente a disposizione del tecnico Fabio Caserta per il romitaggio estivo nella cittadina abruzzese

 

Rivisondoli (fino al 31 luglio), si compone di 27 calciatori. Infatti, all’organico sono stati aggiunti tre calciatori della “primavera” gialloblù ( e cioè il portiere Tessitore, il difensore Todisco e l’attaccante La Monica), per cui,  se si escludono le tre giovani “vespette”, l’attuale età media del roster stabiese si aggira intorno ai 25,5 anni. Chiaramente questo è ancora un dato parziale visto che il calciomercato si protrarrà fino al 2 settembre e nuovi arrivi e partenze possono essere ancora all’ordine del giorno. Infatti, a supporto di ciò, al team stabiese sono stati aggregati anche altri due elementi di esperienza come il portiere Danilo Russo (32) e il centrocampista Mariano Izco (36), che faranno la preparazione con i gialloblù in attesa di un’eventuale sottoscrizione contrattuale.  

Dei calciatori agli ordini di mister Caserta, molti sono degli “absolute beginners” (per citare una canzone di David Bowie) per la serie B come il portiere Esposito, i difensori Allievi, Borri e Lia, i centrocampisti Calò, Lionetti, Stallone, Mallamo e lo stesso capitan Mastalli (sebbene abbia già esordito in A con il Milan nel maggio del 2015, proveniente dalle giovanili rossonere, una presenza con una manciata di minuti, e successivamente una breve esperienza in Svizzera con il Lugano), gli attaccanti Elia Sorrentino. Il team campano si compone anche di elementi di esperienza che hanno calcato i campi di serie A e B, realizzando anche un discreto numero di reti, e alcuni di essi altresì militato in campionati di serie maggiore all’estero.  

In questa ottica, il servizio presenta un’analisi della rosa della squadra che si appresta a disputare il campionato di serie B per la quinta volta a Castellammare (la prima con il glorioso Stabia nel 1951-52 e le altre tre nel triennio 2011-2014).  In difesa (lo scorso anno con solo 18 reti concesse, un record per la categoria) c’è il portiere

Branduani che ha collezionato in carriera con la Spal 7 presenze in B (2016-2017) e 4 presenze (2009-2010) con l’Albinoleffe. Altri elementi di esperienza sono: Vitiello, 36 anni, 349 presenze distribuite fra serie A e serie B con Ternana, Palermo, Siena, Rimini e Vicenza con 17 reti in totale; il danese Troest,  32 anni, 303 presenze totali in A e B con Novara, Lanciano, Varese, Atalanta, Parma con 16 gol, più 74 presenze con il Midtjylland e 6 reti nella massima serie danese e 25 con il Recreativo Huelva in seconda divisione spagnola; Germoni, 22 anni , 40 presenze in B con Perugia, Parma e Ternana; Lito Fazio , 30 anni , 161 presenze in B ( tra il 2012 e 2017) con Trapani e Ternana, con 5 reti.

A centrocampo si distinguono: il ghanese Addae , 134 presenze in B con 5 reti con Ascoli e Crotone, 3 con il Nova Gorica in Slovenia; Carlini , 48 presenze in A e B con il Frosinone ( la maggior parte nel biennio 2014-2016)  con 3 reti; il brasiliano Mezavilla , “bandiera” stabiese, 36 anni, 143 presenze in B ( con Pisa, Cesena e Catania) di cui 90 ( tra il 2011 e il 2014)  con la Juve Stabia ( attuale record-man delle vespe in cadetteria) più 5 reti con i gialloblù e 1 col Cesena (nel 2007-2008); il brasiliano Vicente, 12 presenze in B col Padova e il Treviso più 1 gol, 21 presenze con Botev Vratsa in Bulgaria e 13 col Nova Gorica in Slovenia, entrambe squadre di massima serie.  In attacco: Canotto, 13 presenze in B col Trapani (2016-2017); Del Sole, 27 presenze in B col Pescara (tra il 2017 e il 2019) con 2 reti; Melara, 52 presenze in B con Reggina (2012-2013) e Benevento (2016-2017) con 3 reti; Torromino,55 presenze in B con Crotone (biennio 2012-2014 e 2015-2016) e Lecce ( 1 presenza lo scorso anno, prima di accasarsi con la Juve Stabia) con 13 reti in totale.

In definitiva, una rosa che può farsi ben valere in serie B difendendo la categoria, come già sottolineato da mister Caserta (anche lui trainer esordiente in B, dopo tanta esperienza da calciatore sia in A che in cadetteria) in occasione della presentazione delle maglie ufficiali GIVOVA per la nuova stagione, che con qualche ulteriore innesto, soprattutto in attacco, potrà sicuramente dire la sua e recitare il ruolo di “ammazzagrandi” nel competitivo torneo cadetto.

Domenico Ferraro