Oculus, a Napoli l’evento conclusivo

Giovani Operatori per la Creatività Urbana, 24 luglio 2019 ore 11.00 c/o Re.Work, Centro Direzionale, Isola E2

210

Il 24 luglio alle ore 11.00, presso il coworking space Re.Work (Centro Direzionale, Isola E2), si terrà l’evento di conclusione del progetto “OCULUS Giovani Operatori per la Creatività Urbana”, finanziato dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, vincitore del bando nazionale “Sostegno ai giovani talenti”.

OCULUS, acronimo di Operatori per la Creatività Urbana tra Lavoro e Utilità Sociale, è il percorso formativo inserito nel progetto “Giovani operatori per la creatività urbana”, ideato e guidato da Amesci e da Inward – Osservatorio Nazionale sulla Creatività Urbana in partnership con le tre ACU: Il Cerchio e le Gocce di Torino, Macross di Trieste e Xpression di Bergamo, oltre a Khorakhanè di Abano Terme. Obiettivo del progetto è stato quello di colmare, con il supporto e la partecipazione di enti e dei più importanti esperti italiani di street art, un gap del settore creativo urbano con la iniziale creazione di un profilo operativo ad hoc, attraverso un fitto programma di formazione, tutoraggio e stage operativo.

La proposta formativa ha coinvolto le città di Napoli, Torino, Bergamo e Trieste e si è rivolta ai giovani dai 20 ai 35 anni con talento nei campi della creatività, arti visive, comunicazione e grafica. Dopo una fase intermedia di tirocinio a distanza, durante lo stage conclusivo di produzione, che si è tenuto dal 23 al 27 aprile di quest’anno a Padova, i giovani selezionati hanno supportato l’artista torinese Vesod Brero per la realizzazione dell’opera d’arte “Compianto, tra spirito e materia” sulle facciate della torretta idrica di Viale Codalunga, con il patrocinio del Comune di Padova e la collaborazione di AcegasApsAmga, così materializzando la formazione ricevuta negli ambiti delle relazioni con enti locali e comunità, curatela artistica, logistica e supporto tecnico, promozione.

 

Quello del prossimo 24 luglio sarà un incontro di presentazione dei risultati complessivi raggiunti, che coinvolgerà i soggetti protagonisti del progetto. Durante l’evento saranno presentati i primi due frutti maturi dell’iniziativa: la nascita dell’Associazione per la Creatività Urbana (ACU) nazionale “Oculus” e lo sviluppo della prima Ricerca a livello nazionale sul tema, condotta da Inopinatum – Centro Studi sulla Creatività Urbana, anche occasione di confronto e dialogo scientifico rispetto agli scenari della creatività urbana, economie tipiche, casi di successo o meno ed approfondimenti, nel verso delle possibili opportunità professionali dei giovani nel settore.

Gli enti promotori sono già al lavoro per fare di “Oculus” la prima piattaforma italiana permanente di formazione per giovani operatori per la creatività urbana.