Pulcinella al Museo Ferroviario di Pietrarsa

La prima dello spettacolo andò in scena nel 1920, all’Opera National de Paris, diretto dal M° Ernesst Ansermet ed ottenne un grosso successo di critica e di pubblico

352

Nella interessante mostra della  Sala  delle locomotive nel “Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa”, a cura del  Teatro San Carlo di Napoli, nel mese  scorso è andato in scena il balletto “Pulcinella” di StravinskJi , messo in scena  nella riedizione di Francesco Nappo che ne ha curato i costumi, le coreografie, nonché la regia. La prima dello spettacolo andò in scena nel 1920, all’Opera National de Paris, diretto dal M° Ernesst Ansermet ed ottenne un grosso successo di critica e di pubblico.

Nappo, come recita il depliant di presentazione, ha reso più moderna l’ambientazione: il racconto scenio è  incastonato nella Napoli di oggi, (con tutti i suoi pregi e i suoi difetti), con movimenti di danza, che riprendono un po’ la nostra atavica gestualità. Le movenze  degli  insiemi di personaggi ha in sé tutto il folkore partenopeo. Cara a noi napoletani, la maschera nostrana è  una di quelle storiche, insieme ad Arlecchino, Brighella ed altre. Pulcinella è  un po’ il personaggio stupido che, ad ogni occasione, tira fuori la sua furbizia, nello spettacolo viene presentato come personaggio vivace e brillante. La Compagnia è quella del “Balletto del Teatro San Carlo.

FEDERICO ORSINI