“E basta!”, FdI risponde agli indipendenti: “Orfani di poltrona”

La voglia di entrare nella stanza dei bottoni li porta a confondere il nostro far politica per il bene comune con l'inciucio di palazzo. Mentre litigano la nostra Cittadina resta in agonia

437

“E basta!” – esordisce non questa ferma esclamazione il partito di Fratelli d’Italia a Volla. Un basta rivolto principalmente alle affermazioni pubblicate su facebook dagli indipendenti in consiglio comunale, Giuseppe Russo e Ciro Scognamiglio che hanno sottolineato come proprio il partito di destra sarebbe pronto a tamponare la falla che verrebbe a crearsi in caso di loro allontanamento dalla maggioranza.


La nota stampa inviataci dal partito coordinato da Giuseppe Annone, sottolinea ancora una volta le troppe chiacchiere inconcludenti per i probleni della città e che stanno portando all’agonia Volla. Chiacchiere che, a quanto dichiarato da FdI, mirano solo alla conquista di una poltrona in giunta.

Di seguito la nota stampa integrale di FdI:

“Dopo le distanze prese dai tre gruppi di maggioranza dalle affermazioni degli indipendenti, Russo e Scognamiglio continuano a litigare e sgomitare in maggioranza per avere un Assessore e dimenticano i problemi della Città.

Dimenticano i regolamenti in Commissione Consiliare, dimenticano i residenti e commercianti di Via Roma, non si preoccupano della Scuola De Sica senza acqua e senza energia elettrica, dimenticano il Puc e nessuno ne parla, dimenticano gli equilibri di bilancio con conseguente diffida della Prefettura, dimenticano la vecchia area dell’ex mercato ortofrutticolo, ad oggi abbandonata a sé stessa, ed ancora tanti altri problemi sotto gli occhi di tutti.

L’attenzione dei due indipendenti è oscurata forse dal fatto che si sentono “orfani di una poltrona” e rivolgono il loro interesse a chi partecipa al confronto politico in casa nostra, “sezione FDI Via Rossi” e al nostro risultato elettorale, del tutto “eccezionale”.

La loro voglia di entrare nella stanza dei bottoni, dalla quale sono stati esclusi dai loro stessi alleati, li porta a confondere il nostro far politica per il bene comune, con proposte serie anche condivise all’unanimità in Consiglio Comunale, con l’inciucio di palazzo. Continuano a parlare, ma di concreto per il momento, il  nulla assoluto!

Mentre litigano per la poltrona la nostra amata bella Cittadina resta in agonia. Noi  continuiamo il nostro percorso politico senza tener conto di chi apre la bocca solo per far rumore. Anzi, solo per una poltrona!”

Accuse incrociate che di certo no fanno il bene di Volla e che mostrano quanto fragile sia l’amministrazione Di Marzo, chiaramente troppo soffocata da troppi lacci incomprensibili e deleteri per il futuro della città.

Da troppo tempo la città annonaria è orfana di una amministrazione forte e compatta sugli obiettivi prioritari. A questo punto forse l’unica soluzione non potrebbe che essere una nuova tornata elettorale, augurandosi che si possano formare delle coalizioni più coese, pro Volla e non solo contro il favorito di turno.

Gennaro Cirillo