Digital Summit Regionali, in Campania la terza tappa

Progetto sullo stato dell’ arte dello sviluppo e della trasformazione digitale. La Regione Campania investe sulla digitalizzazione, sulle infrastrutture, sulle competenze e sulle loro ricadute nel settore delle imprese e della pubblica amministrazione

368

È la Campania la protagonista della terza tappa del “Digital Summit Regionali”, il progetto sullo stato dell’ arte dello sviluppo e della trasformazione digitale che, dopo Genova e Roma, si terrà a Napoli, il 26 settembre, al Polo Universitario di San Giovanni a Teduccio.

L’iniziativa, promossa da “The Innovation Group”, in collaborazione con il Consiglio Regionale della Campania, la Giunta Regionale della Campania e l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, che vedrà la partecipazione di rappresentanti del mondo delle Istituzioni, dell’Università, dell’impresa, della ricerca, è stata presentata stamani, nella sede del Consiglio Regionale della Campania, in conferenza stampa con la partecipazione del consigliere Questore alle finanze del Consiglio regionale della Campania, Antonio Marciano, dell’assessore regionale alla internazionalizzazione, start-up, innovazione, Valeria Fascione, e del Presidente di “The Innovation Group”, Roberto Masiero.

“La nostra Regione guarda con attenzione alla digitalizzazione ed ha ottenuto importanti riconoscimenti in questo settore  –  ha detto Marciano -, infatti, in Consiglio regionale, abbiamo deciso di destinare le poche risorse libere all’innovazione, alla digitalizzazione, alla dematerializzazione dell’iter legislativo e delle attività del Consiglio e delle Commissioni. Siamo la prima regione del Sud ad ospitare questo evento e lavoreremo in sinergia con il mondo dell’Università, delle ricerca e delle imprese per la migliore riuscita di questa iniziativa”.

La Campania ha guadagnato due posizioni arrivando ad essere la tredicesima Regione italiana per la digitalizzazione della forza lavoro impiegata dalle organizzazioni ed è la prima Regione dell’area Sud – ha sottolineato Masiero, anticipando i contenuti dell’analisi realizzata dal Centro di economia Digitale -; inoltre Napoli, nel periodo tra il 2011 e il 2018, è passata dalla 55esima alla 24esima posizione e, soprattutto, si è andata a posizionare stabilmente sopra la media nazionale -; in questo positivo contesto, l’iniziativa del 26 settembre assume un ruolo importante e significativo nel segno dell’innovazione e si indirizza a tutto il tessuto economico e sociale della Regione”.

“La Regione Campania investe fortemente sulla digitalizzazione, sulle infrastrutture, sulle competenze e sulle loro ricadute sul mondo delle imprese e della pubblica amministrazione” – ha detto Fascione – che ha aggiunto: “ci saranno tre focus importanti su infrastrutture, ambiente e territori e sulla sanità digitale, che è una nostra priorità, poi sul mondo della cultura e del turismo, che è un asset fondamentale. Nell’ottica di potenziare le competenze digitali, la Regione Campania ha dato vita al programma “Cambiamenti digitali” stanziando quattro milioni per le la formazione digitale nelle scuole”.

I lavori inizieranno alle ore 9,00 con la sessione plenaria sul tema “Lo sviluppo economico, le attività produttive e l’attuazione della digitale transformation in Campania” che vedrà le introduzioni del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e del Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Rosa D’Amelio, e gli interventi, tra gli altri, dell’assessore Fascione, del Commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenza Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Luca Attias, il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Gaetano Manfredi, del Questore Marciano, del presidente della III Commissione consiliare permanente, Nicola Marrazzo, e del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano.

I lavori proseguiranno con sessioni dedicate ad “Infrastrutture, trasporti e mobilità: il modello di sviluppo regionale” , che sarà aperta dal Presidente della IV Commissione consiliare permanente, Luca Cascone, ad “Innovazione organizzativa: il nuovo welfare, le filiere della continuità assistenziale e la sanità digitale”, con gli interventi, tra gli altri, dell’assessore regionale al Bilancio, Ettore Cinque, e del Presidente della V Commissione consiliare permanente, Stefano Graziano, e alla “Digitalizzazione come leva di promozione e sviluppo per i beni culturali e il turismo”, con l’introduzione dell’assessore regionale allo sviluppo e promozione del turismo, Corrado Matera.

Infine, le sessioni pomeridiane su “Le priorità dell’Agenda Digitale nella Regione Campania”, con la partecipazione della Presidente della Commissione speciale “Trasparenza, Valeria Ciarambino, e la sessione plenaria conclusiva con gli interventi, tra gli altri, dell’assessore regionale alle attività produttive e ricerca scientifica, Antonio Marchiello, del Presidente della Commissione speciale sburocratizzazione, Maria Grazia Di Scala.