Sono oltre un centinaio i manifestanti che da stamane presidiano l’esterno della sede dell’Inps in via De Gasperi a Napoli con fumogeni e striscioni. Da oggi a lunedì prossimo il ‘Movimento di lotta per il Lavoro – Disoccupati 7 Novembre’ in coordinamento con altre realtà e comitati di disoccupati e licenziati annuncia che effettuerà presidi ed azioni di lotta fuori a sedi Inps e centri per l’impiego di Napoli, Perugia, Messina, Palermo, Catania, Cosenza, Roma.

Tra le richieste “un incontro con il presidente dell’Inps” e la convocazione di “un incontro inter- istituzionale con il Mise,Inps ed Enti Locali su reddito di cittadinanza e patti per il lavoro, salario minimo e progetti di

pubblica utilità”. Presenti alla giornata di protesta anche i navigator della Campania, ancora senza un lavoro dopo essere stati selezionati per potenziare i servizi legati alla misura dell’Rdc.

La giornata di protesta di oggi rientra nella più generale campagna ‘Vogliamo Tutto’, e durerà fino al 23 settembre.

Così, in un comunicato, i promotori elencano le parole d’ordine e gli obiettivi della campagna: “Lavoro o non lavoro, dobbiamo campare! Lavorare tutti, lavorare meno! Ridurre l’orario a parità di salario! Casa per tutti, sfratti per nessuno! Lavori utili di pubblica necessità! Salario minimo europeo di 1200! Reddito senza vincoli escludenti e classisti!”.

Lanciato anche l’appuntamento per un’assemblea nazionale che si terrà il 29 settembre alle ore 10 a Santa Maria La Nova.

Share