Brusciano: pane cotto con legna verniciata, sporca di colla, con chiodi

I militari si sono recati nell’esercizio commerciale dopo aver ricevuto dai cittadini diverse segnalazioni in merito alla fuoriuscita di fumo nero da quel panificio

250

Controlli dei Carabinieri Forestali della stazione di Marigliano in un panificio di Brusciano.

I militari si sono recati nell’esercizio commerciale dopo aver ricevuto dai cittadini diverse segnalazioni in merito alla fuoriuscita di fumo nero da quel panificio. Nell’attività in effetti i militari hanno scoperto diverse e gravi irregolarità.

Quando sono entrati la panificazione era in corso e il fornaio, un 64enne di Brusciano, stava alimentando il forno ad induzione con pezzi di legna alcuni dei quali avevano dei chiodi conficcati.

I carabinieri gli hanno immediatamente imposto di interrompere la cottura del pane (che poi è stato smaltito) e di spegnere il fuoco.

Inoltre nei pressi del forno, nel sottotetto e nell’area antistante l’ingresso del panificio erano accatastati 50 quintali di legna trattata con vernici, solventi o colla verosimilmente da gettare nelle fiamme per alimentare il forno. Ovviamente tutto il materiale è stato sequestrato in tempo.

Nel panificio, inoltre, i carabinieri hanno sequestrato 336 confezioni di pelati poiché erano non tracciabili in quanto senza etichette. Sequestrati anche 50 chili di pane privi anche questi della tracciabilità e senza indicazioni sugli ingredienti utilizzati durante la lavorazione.

Il titolare è stato sanzionato per 1.800 euro e denunciato: risponderà di abbandono, smaltimento illecito e combustione illecita di rifiuti.