Pompei: polizia rintraccia rapinatore a Venezia

In manette un iraniano che nello scorso mese di giugno aveva derubato un turista all'esterno degli scavi è stato identificato dai sistemi di videosorveglianza presenti sul luogo

220

Lo scorso 29 giugno un turista coreano in vacanza in Italia con la figlia, all’esterno  degli scavi di Pompei, è stato avvicinato da un uomo che, qualificatosi  come  poliziotto e simulando un controllo, si  è fatto consegnare lo zainetto contenente la somma di  6mila euro.

Dopo poco istanti, il finto poliziotto, impossessatosi della borsa, è salito su un’auto guidata da una donna riuscendo a fuggire  nonostante  il tentativo della vittima di fermare la vettura aggrappandosi alla portiera.

I turisti aspettano fuori dagli scavi di Pompei a causa di una vertenza sindacale a Pompei, 16 Giugno 2014.
ANSA/CESARE ABBATE/

Dopo una lunga attività investigativa, grazie ai sistemi di videosorveglianza presenti sul luogo, i poliziotti del Commissariato di Pompei, coordinati dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, sono riusciti a risalire all’identità del malvivente , un iraniano di 33 anni , che è risultato detenuto a Venezia per altra causa.

Ieri mattina all’uomo è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina, emessa dal GIP di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Share