Cercola, Pasquale Tammaro: “Fiengo? Sei anni di danni per la nostra città”

Nel frattempo il sindaco dimissionario non ha ancora fatto sapere quando intende chiarire attraverso l’annunciata e non ancora programmata conferenza stampa

950

“Mala gestione e solite manfrine solo per avanzare richieste di incarichi, nulla che riguardi la cittadinanza da parte di un’amministrazione che in sei anni ha prodotto solo danni” Entra così sulla questione dimissioni l’ex sindaco Pasquale Tammaro che afferma di non trovare proprio nulla di buono per la città nell’operato di oltre sei anni del sindaco Vincenzo Fiengo.


“Ne possiamo elencare fin troppi di fallimenti – aggiunge Tammaro –  come l’aumento della Tari, della refezione scolastica, la sospensione del trasporto scolastico, la chiusura della biblioteca comunale, la privatizzazione di tutte le strutture sportive del territorio gestite da società amiche e supporter degli amministratori”.

Tra le cose più eclatanti che oggi concretizzano questa fuga a metà del primo cittadino, continua Tammaro: “Quanto si evince dalla relazione tecnica del Collegio dei revisori dei conti comunali che hanno riscontrato da parte dell’amministrazione la mancata riscossione di 1.400.000 euro di canoni edilizia residenziale popolare e il mancato controllo della rateizzazione del 2012 per 140 richiedenti e dal 2013 al 2019 le morosità aumentano addirittura a 277”.

Nella relazione dei revisori si legge “Non è tollerabile, in uno stato di diritto, che alcuni cittadini soltanto corrispondano quanto dovuto ad un ente pubblico, mentre altri, nelle stesse condizioni, si sottraggano a tale adempimento, in maniera eclatante, senza che l’amministrazione assuma in proposito alcuna iniziativa a tutela delle proprie finanze… ” e poi “…gravi irregolarità previste dall’art. 239, comma 1, lettera e) del TUEL”

Nel frattempo il sindaco dimissionario non ha ancora fatto sapere quando intende chiarire attraverso l’annunciata e non ancora programmata conferenza stampa. “Forse – conclude Tammaro – sta solo sfruttando i 20 giorni per ritirarli per conteggiare quanti siano con lui e quanti contro. Fiengo aspira ad una candidatura regionale, ma forse deve fare i conti con il Pd”.

Ivan di Napoli