Sontuosa prestazione della Juve Stabia al cospetto di un coriaceo Pescara

Match winner nella ripresa si è rivelato Canotto che, insieme a Carlini, è stato il migliore in campo nella battaglia sportiva contro gli abruzzesi

266

Le Vespe colgono tre punti di platino al Menti. Il punteggio finale di 2-1 premia il carattere e l’agonismo dei gialloblù dopo la scialba partita dello scorso turno. Nonostante lo svantaggio iniziale, gli stabiesi sono stati efficaci nella reazione. Il Pescara era passato con Galano nel primo tempo poi Forte ha realizzato il pari, dopo aver sprecato un rigore sullo 0-0. Match winner nella ripresa si è rivelato Canotto che, insieme a Carlini, è stato il migliore in campo nella battaglia sportiva contro gli abruzzesi.


La Juve Stabia ripropone il 4-2-3-1 ma con qualche cambiamento rispetto al match di La Spezia: entrano nell’undici titolare Fazio, Tonucci, Ricci e Carlini al posto di Vitiello, Mezavilla, Germoni (squalificato) ed Elia. Turn over quindi per mister Fabio Caserta per immettere energie fresche.

Il Pescara risponde con il 4-3-2-1: out il portiere Fiorillo per infortunio e il centrocampista Memushaj, al loro posto Kastrati ed Ingelsson.

Ritmi subito elevati a inizio partita con il Pescara pericoloso al 4′ con fendente di Galano da fuori area. All’8′ rigore della Juve Stabia per fallo di mani in area di Masciangelo su testa di Troest da angolo. Dal dischetto Forte però si fa ipnotizzare da Kastrati che para sulla sua sinistra. Bruttissima la battuta dell’attaccante stabiese, troppo lenta e senza forza. Juve Stabia in bambola e al 14′ passa il Pescara: cross di Masciangelo da sinistra, tocco di Busellato per Galano che in area sulla destra infila al volo in porta. Retroguardia campana immobile.

La Juve non demorde e pareggia al 17′: percussione di Carlini che innesca Forte, che sfonda nella difesa pescarese, dribbla il portiere e mette in rete per l’1-1. Al 20′ Juve Stabia vicino al raddoppio: punizione di Calò in area ospite e Melara impatta di testa mettendo la palla di un niente. Al 21′ Kastrati fa un miracolo su Canotto lanciato in contropiede. Il Pescara è sempre pericoloso: al 32′ Russo si supera su tiro ad effetto di Galano dai 25 metri. Al 36′ gran punizione di Calò dai 30 metri e Kastrati evita la capitolazione della sua porta. Il primo tempo, molto combattuto, termina sull’1-1.

Ripresa scoppiettante e la Juve Stabia passa con uno splendido contropiede all’8: lancio di Forte da centrocampo per Canotto che in velocità, dopo pregevole stop, fredda Kastrati.

Dopo lo svantaggio il Pescara cerca di stringere i tempi e va all’attacco. Mister Caserta al 10′ inserisce Elia al posto di Melara per sfruttare gli spazi che lasciano gli abruzzesi. Mister Zauri inserisce al 22′ la punta Di Grazia al posto di Ingelsson: Pescara a trazione anteriore. Il finale è concitato, al 35′ il Pescara resta in 10 per l’espulsione di Ciofani. Nonostante l’inferiorità numerica gli abruzzesi attaccano a testa bassa.

La Juve Stabia soffre mettendoci il cuore nei sei minuti di recupero. Al 47′ Maniero per poco non realizza il pari su cross da sinistra. La Juve Stabia è stanca e getta il cuore oltre l’ostacolo, rimanendo anche in dieci per l’espulsione di Mallamo. Il clima è infuocato e la Juve Stabia può esultare meritatamente.

Tabellino

Juve Stabia (4-2-3-1): Russo 6; Fazio 6.5 Tonucci 6.5 Troest 6.5 Ricci 6; Calo’ 6.5 Calvano 6; Melara 6.5 (10′ st Elia 6.5) Carlini 7 (39′ st Mallamo 5) Canotto 7 (32′ st Del Sole 5.5); Forte 6.5. A disp.: Branduani, Mezavilla, Vicente, Vitiello, Izco, Addae, Lia, Rossi, Cisse. All.: Caserta 7.

Pescara (4-3-2-1): Kastrati 7; Ciofani 6 Bettella 5.5  Scognamiglio 6 Masciangelo 6; Busellato 6 Palmiero 5.5 (30′ st Pavone 5.5) Ingelsson 5.5 (22′ st Di Grazia 5); Galano 7 Machin 6; Borrelli 5 (44′ st Maniero sv). A disp.: Farelli, Vitturini, Del Grosso, Brudi, Bruno, Zappa, Palmucci, Bocic, Brunori.  All.: Zauri 5.5.

ARBITRO: Volpi di Arezzo 5.

Guardalinee: Schirru-Rossi

Marcatori: 14′ pt Galano (P), 17′ pt Forte (JS), 8′ st Canotto  (JS).

Espulsi : al 35′ Ciofani (P) per doppia ammonizione, al 49′ st Mallamo  (JS) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Tonucci  (JS), Palmiero (JS), Machin (P), Calvano (JS), Ciofani  (P), Russo (JS), Elia (JS), Del Sole (JS), Mallamo (JS).

Note: spettatori circa 3.000. Angoli 4-2. Recupero, pt 0′, st 6′. Al 9′ pt il portiere Kastrati (P) para un rigore a Forte (JS).

Domenico Ferraro