Il primo turno infrasettimanale del campionato di serie A2 si è rivelato sfortunato per i colori gialloblù. Al PalaMangano, la BCC Treviglio si è infatti aggiudicata la vittoria per 92-95, dopo un tempo supplementare. Un buon impatto con la sfida di capitan Crow e soci non è bastato, perché nell’ultimo periodo è stato dilapidato il vantaggio accumulato e la paura di perdere ha preso il sopravvento sulla voglia di vincere, pregiudicando l’atteggiamento in campo e la reazione nei confronti di un avversario che, al contrario, ha trovato energie e vigore proprio nel finale, nel momento decisivo della contesa, piazzando così il colpaccio esterno.

La sfida inizia a rilento. I quintetti si studiano, giocano a difese schierate e vanno a canestro col contagocce (2-2 al 3’). A metà frazione è lo statunitense Putney a suonare la sveglia per i gialloblù. Contento e Rossato si fanno trovare pronti e, in meno di un amen, Scafati è avanti 15-2 al 7’. Coach Vertemati prova a mischiare le carte, trovando in Pacher, Palumbo e Ivanov gli uomini utili ad assottigliare il divario al suono della prima sirena (19-12).

Caroti e Borra riprendono le ostilità col piede giusto (20-17 al 11’), Reati li segue a ruota e la partita si riapre (25-24 al 14’). Tommasini e Contento particolarmente ispirati non bastano, servono anche Fall, Rossato e Ammannato per tentare un altro timido allungo (39-31 al 17’). A suggellare il vantaggio scafatese all’intervallo è il folletto Frazier, anche se non al top della condizione fisica (41-36).

I primi minuti della ripresa restano equilibrati, almeno fino a quando Tommasini inizia a crivellare la retina dalla lunga distanza, scavando un altro piccolo solco (49-41 al 24’). Sale in cattedra Frazier e qualche minuto più tardi il vantaggio si fa più corposo (58-45 al 26’). Gli orobici tentano a ricucire lo strappo, ma Contento e Crow chiudono sul 65-51 il terzo periodo.

Ivanov comincia di gran carriera l’ultima frazione di gioco e praticamente da solo rimette in corsa la Blu Basket (67-66 al 33’). Ci pensano Frazier e Tommasini a tenere avanti la Givova (76-70 al 35’). Ma Caroti e Pacher tengono viva e vegeta la compagine bergamasca, che riesce addirittura a mettere la freccia (78-80 al 37’), mentre i locali si sciolgono come neve al sole. Nel concitato finale punto a punto, nessuna delle due contendenti riesce ad avere la meglio e si va così al supplementare (83-83).

E’ ancora Ivanov il protagonista in positivo del match: con due triple di fila piazza l’allungo decisivo (87-93 al 44’), che, nonostante lo sforzo profuso dai padroni di casa, non riesce ad essere colmato. I due punti vanno così alla Bcc Treviglio, vittoriosa 92-95.

 

I TABELLINI:

GIVOVA SCAFATI 95

BCC TREVIGLIO 92

GIVOVA SCAFATI: Markovic n. e., Putney 5, Tommasini 19, Crow 4, Lupusor, Contento 13, Ammannato 8, Rossato 8, Fall 10, Frazier 25. ALLENATORE: Perdichizzi Giovanni. ASS. ALLENATORE: Luise Sergio.

BCC TREVIGLIO: Pacher 20, Reati 12, Caroti 15, Nani, Palumbo 3, D’Almeida 4, Manenti n. e., Ivanov 21, Taddeo 8, Borra 12. ALLENATORE: Vertemati Adriano. ASS. ALLENATORI: Zambelli Mauro e Petitto Gian Marco.

ARBITRI: Beneduce Nicola di Caserta, Catani Marco di Perscara e Mottola Christian di Taranto.