“I malavitosi sono come topi, costretti a vivere nelle fogne”

Sepe durante la commemorazione dei Defunti non risparmia parole dure per i mafiosi: se tutto va bene avranno lunghi anni nelle carceri. E quando va male si ritrovano al cimitero

297

Nel corso dell’omelia per la giornata dei Defunti, il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, parlando dei malavitosi ha detto: “Avranno anche le case con i rubinetti di oro ma sono come i topi, sono costretti a vivere nelle fogne per paura, se tutto va bene potranno fare un bel numero di anni nelle carceri. E quando non va bene si ritrovano al cimitero”.

Sepe ha affermato: “Chi mette la sua vita a disposizione del male e della violenza, dell’odio e del rancore fa della sua vita un emblema di quel male che cerca di sopraffare continuamente, già vive l’inferno adesso, perché queste organizzazioni malavitose, questi camorristi, questi mafiosi vivono l’inferno”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteLa Juve Stabia tiene botta ma è beffata nell’ultimo minuto
SuccessivoMeritata sconfitta all’Olimpico e le ambizioni si ridimensionano
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio. Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità. Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.