Servizi di pulizia municipio di Acerra. Dalla sera alla mattina 18 lavoratori a rischio

Dalla sera alla mattina 18 tra lavoratrici e lavoratori si vedono negare l'accesso agli uffici  comunali per svolgere il proprio  lavoro come hanno fatto per moltissimi anni

509

“Inverosimile. Il comune di Acerra senza tener conto della salvaguardia occupazionale di 18 persone, addetti alle pulizie, con una comunicazione inviata nella giornata del 30 ottobre, comunicava alle società l’interruzione immediata del servizio per scadenza proroga, pertanto alle maestranze è stato vietato l’accesso ai locali comunali”. A denunciarlo Luigi Riccardi del sindacato U.L.S.S.A. Campania.

Dalla sera alla mattina 18 tra lavoratrici e lavoratori si vedono negare l’accesso agli uffici  comunali per svolgere il proprio lavoro come hanno fatto per moltissimi anni.

“Facciamo presente cosi come abbiamo comunicato al comune di Acerra – continua il comunicato/denuncia dell’U.L.S.S.A. – che la posizione attuata dal comune è del tutto anomala. In quanto alla scadenza della proroga, sarebbe dovuto immediatamente partire un nuovo affidamento per i servizi di pulizia e contemporaneamente la continuità occupazionale.

Tutto questo non è  stato fatto e non capiamo tale decisione da un giorno all’altro, oltretutto senza dare un preavviso, senza tener conto del codice degli appalti e, soprattutto, senza tener conto della clausola sociale”.

Per affrontare tale situazione, seriamente gravosa per i 18 dipendenti a rischio lavoro, lunedì 4 novembre 2019, innanzi al comune di  Acerra, saranno attivate azioni sindacali a tutela e a difesa delle lavoratrici e dei lavoratori.

“Non è affatto giusto – concludono dall’U.L.S.S.A. – trattare cosi le lavoratrici e i lavoratori. Chi lavora  merita rispetto”.

Share