Il Napoli con il Salisburgo per conquistare gli ottavi. ADL manda la squadra in ritiro

Domani contro gli austriaci possibilità di chiudere la pratica con due turni d’anticipo. Possibile chance per Elmas e verso la conferma la coppia Milik-Mertens

156

Il momento del Napoli non è certamente dei migliori, per utilizzare un eufemismo. Il settimo posto in classifica in Serie A desta preoccupazione. Manca la continuità che dovrebbe essere alla base di una squadra con le ambizioni dichiarate dal Napoli. Per cercare di dare una scossa all’ambiente, il presidente De Laurentiis ha deciso di ordinare il ritiro per i suoi giocatori. Una scelta che però Ancelotti non condivide: il tecnico infatti in conferenza stampa non ha esitato nel dire di non essere d’accordo su questa decisione.


C’è però un importante match da disputare. Questa sera alle 21 allo stadio San Paolo gli azzurri sfideranno il Salisburgo per la quarta giornata dei gironi di Champions League. Una vittoria garantirebbe la qualificazione agli ottavi di finale con ben due turni d’anticipo, evento mai accaduto nella storia del club.

In vista della sfida con gli austriaci si va verso la conferma quasi in toto della formazione che ha disputato l’ultima gara di campionato contro la Roma. Appaiono infatti totalmente recuperati in difesa Manolas e Mario Rui (in campo novanta minuti all’Olimpico), che insieme a Di Lorenzo e Koulibaly formeranno il quartetto davanti a Meret. A centrocampo dovremmo assistere all’unico avvicendamento: chance da titolare per Elmas, che prende il posto di Zielinski al fianco di Fabian Ruiz. Contro la Roma si è notata la mancanza di un filtro tra difesa e centrocampo, data l’assenza di Allan, e né il polacco né lo spagnolo sono sembrati in grado di svolgere il compito, rendendo necessario l’utilizzo del ventenne macedone (anche lui non propriamente un incontrista, ma con caratteristiche più vicine ad Allan rispetta i due compagni). Sulle fasce agiranno nuovamente Callejon e Insigne, mentre in attacco confermata la coppia Milik-Mertens: il polacco si ormai guadagnato la titolarità con i cinque gol nelle ultime quattro partite e il belga è finora stato il miglior giocatore azzurro nelle notti europee.

Per affrontare la difficile trasferta a Napoli, Marsch si affida allo stesso undici che ha schierato nella sfida d’andata, persa 3-2 ma giocata in maniera brillante, eccezion fatta per il portiere (in campo Carlos per l’infortunato Stankovic). Spazio quindi a uno speculare 4-4-2, con sugli esterni due elementi offensivi come Daka e Minamino e in avanti Hwang e l’enfant prodige Haaland (capocannoniere della Champions con 6 gol in tre partite).

PROBABILI FORMAZIONI

Napoli ​(4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Elmas, Fabian Ruiz, Insigne; Milik, Mertens. All. Ancelotti

Salisburgo ​(4-4-2): Carlos; Kristensen, Ramalho, Wober, Ulmer; Daka, Mwepu, Januzovic, Minamino; Hwang, Haaland. All. Marsch

Salvatore Emmanuele Palumbo