Per l’allerta meteo a Pomigliano chiusi Giardini d’Infanzia, Cimiteri e il Parco delle Acque

Immediata la polemica social i cittadini chiedono al Sindaco Russo come mai la stessa ordinanza non abbia previsto la chiusura delle scuole

467

L’Amministrazione ha pubblicato sul portale del Comune un’ordinanza sindacale con la quale ha disposto la chiusura nei giorni 5 e 6 di novembre dei Cimiteri Comunali, del Parco delle Acque e dei Giardini per l’infanzia a seguito del bollettino d’allerta meteo in codice arancione, allo scopo di salvaguardare l’incolumità dei cittadini.

L’allerta è stata trasmessa anche alla Protezione Civile e agli Agenti Municipali per vigilare affinchè il provvedimento venga rispettato dagli enti comunali elencati. Immediata la polemica social dove i cittadini chiedono al Sindaco Russo come mai la stessa ordinanza abbia escluso le scuole visto che la Regione Campania ne ha predisposto la chiusura nelle zone a rischio.

Molti cittadini infatti si sono detti preoccupati anche perché non hanno dimenticato lo scampato pericolo della scorsa emergenza maltempo, dove all’interno del viale dell’Istituto tecnico Barsanti si sradicò un albero lasciando gli studenti illesi solo per pura fortuna.

Le preoccupazioni dei cittadini non sono da tenere sotto gamba se si parte dal presupposto che la struttura geo-morfologica del territorio pomiglianese, un tempo accoglieva paludi e acquitrini, durante le forti piogge rende le strade e le zone periferiche, le masserie in particolare dalle quali è impossibile arrivare alle scuole, impraticabili e pericolosissime a causa della grande quantità d’acqua che confluisce per le strade e di una rete fognaria non al massimo della sua efficienza quindi i timori della gente forse non sono poi tanto infondati, ci auguriamo solo che la forte pioggia non arrechi danni a cose e persone.

Cinzia Porcaro

Share