Pari e patta in un derby vibrante fra Juve Stabia e Benevento: 1-1 il risultato finale

Nel finale la Juve Stabia reclama un rigore per fallo di Letizia su Canotto. Sul campo non si è vista la differenza di classifica

251

I gialloblù erano passati in vantaggio nel primo tempo con Calò, il Benevento ha pareggiato con Coda a inizio ripresa. Nonostante la superiorità numerica nel secondo tempo dal 17′ per l’espulsione di Caldirola, la Juve Stabia non ha trovato sbocchi per trovare il vantaggio. Nel finale la Juve Stabia reclama un rigore per fallo di Letizia su Canotto. Sul campo non si è vista la differenza di classifica.


La Juve Stabia si schiera con il 4-1-4-1, con Calvano a protezione della difesa, Calò in mediana. Assente Forte, in attacco c’è Cisse’. Benevento con il 4-4-2, a centrocampo coppia Viola-Hetemaj, davanti Coda e l’ex Marco Sau.

Parte forte la Juve Stabia: al 4′ Calò viene affrontato da tergo in area da Hetemaj, ma l’arbitro ammonisce il centrocampista stabiese per simulazione.

La Juve Stabia spinge nel primo quarto d’ora e fa soffrire la difesa degli ospiti, in occasione di una mischia al 14′. Risponde il Benevento al 15′ con un cross di Coda in area ma Sau non arriva ad impattare la palla.

È in derby dai ritmi vorticosi con le squadre che giocano a viso aperto. La Juve Stabia punge sulle fasce,al 25′ Canotto si libera sulla sinistra ma la sua conclusione è sbagliata. Al 28′ passa la Juve Stabia: Calò batte una punizione dai 30 metri, sulla ribattuta riprende palla e con un bolide terra-aria fredda Montipò.

Al 33′ Coda si libera in area stabiese sulla sinistra ma Russo salva alla grande. Si ripete il portiere stabiese su Kragl al 44′ su tiro dal limite. Il primo tempo termina sul punteggio di 1-0.

Ad inizio ripresa il Benevento prova a stringere i tempi alla ricerca del pari. Il gol degli ospiti arriva al 10′: punizione da sinistra di Kragl e Coda insacca in area.

Il Benevento si rinfranca ma la Juve Stabia risponde con Calò al 14′, tiro di poco alto. Al 17′ Benevento in 10 per l’espulsione di Caldirola per doppia ammonizione. Inzaghi toglie Sau e inserisce il difensore Antei.

Al 18′ l’arbitro sorvola su un fallo di mano di Antei in area del Benevento su tiro di Calò. Al 40′ Insigne mette i brividi a Russo con un bel diagonale al volo.

Nel recupero Canotto si invola in area e viene messo giù ma l’arbitro non assegna il rigore. Finale 1-1.

Tabellino

Juve Stabia (4-1-4-1): Russo 7; Vitiello 6.5 Tonucci 6.5 Troest 6 Germoni 7; Calvano 7 (36′ st Rossi sv) ; Melara 6 (12′ st Elia 6) Calò 7 Mallamo 6.5 (32′ st Di Gennaro 6) Canotto 6; Cisse 6. A disp.: Branduani, Lia, Ricci, Allievi, Vicente, Bifulco, Del Sole, Addae, Mezavilla.All.: Caserta 6.5..

Benevento  (4-4-2): Montipò 6; Maggio 6 Caldirola 4 Tuia 6 Letizia 6; Kragl 6 (23′ st Insigne 6) Viola 5.5 Hetemaj 5.5 Tello 6 (36′ st Improta sv); Coda 7 Sau 5 (18′ st Antei 5.5). A disp.: Manfredini, Gori, Del Pinto, Basit, Gyamfi , Di Serio, Vokic, Schiattarella, Armenteros. All.: Inzaghi 6.5.

Arbitro: Illuzzi di Molfetta 5.

Guardalinee: Lanotte – Rossi.

Quarto uomo: Robilotta di Sala Consilina.

Marcatori: 28′ pt Calò (JS), 10′ st Coda (B).

Espulso: al 17’st Caldirola (B) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Calò  (JS), Kragl (B), Mallamo  (JS), Canotto (JS), Letizia  (B).

Note: spettatori circa 4.000. Angoli 7-6. Recupero, pt 1′, st 5′.

Domenico Ferraro