Napoli, controlli nelle stazioni: 5113 persone identificate, 10 denunciati in stato di libertà per vari reati

Sono questi gli esiti dell’attività di controllo effettuata nell’ultima settimana dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania

195

5113 persone identificate, 10 denunciati in stato di libertà per vari reati quali resistenza e minacce a incaricato di pubblico servizio, furto, possesso ai fini della vendita di materiale contraffatto, danneggiamento, vendita senza autorizzazioni di prodotti alimentari deperibili, non confezionati e in cattivo stato di conservazione. Inoltre sono state elevate 15 contravvenzioni, di cui 6 al regolamento di polizia ferroviaria.

Sono questi gli esiti dell’attività di controllo effettuata nell’ultima settimana dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania che, in linea con le direttive del Servizio Polizia Ferroviaria, ha consolidato le misure di osservazione e di vigilanza per contribuire alla sicurezza e alla serenità dei numerosissimi viaggiatori che quotidianamente transitano nelle 13 principali stazioni della Campania.

329 sono state le pattuglie impiegate negli scali ferroviari mentre altre 87 hanno operato a bordo treno, scortando ben 179 convogli considerati a rischio.




Nel corso dei controlli sono stati identificati 224 cittadini stranieri 2 dei quali sono stati denunciati perché irregolari sul territorio italiano. Delle 5113 persone identificate con l’utilizzo di palmari di ultima generazione, ben 836 sono risultate con precedenti penali e di Polizia agli atti dell’archivio informatizzato delle Forze dell’ Ordine; inoltre sono stati controllati circa 3000 bagagli con l’ausilio dei metal detector in dotazione alla Polizia Ferroviaria.

Si è impossessato di un orologio prelevandolo dall’espositore di un negozio nella stazione di Piazza Garibaldi ed ha cercato di allontanarsi senza farsi notare. Ma per il diciottenne cittadino senegalese le cose non sono andate proprio secondo le sue intenzioni criminose.

Il giovane, infatti, non aveva fatto i conti con il dispositivo antitaccheggio installato all’ uscita dell’attività commerciale e , al suo passaggio, è scattato l’allarme. Il diciottenne, vistosi scoperto, ha tentato di darsi alla fuga ma il tempestivo intervento degli agenti della Polizia Ferroviaria ha permesso di bloccarlo.

A quel punto, capendo che non c’era più nulla da tentare, il giovane ha spontaneamente consegnato la refurtiva ed ha seguito i poliziotti che lo hanno denunciato a piede libero per il reato di furto.




Siccome dagli accertamenti condotti a suo carico è emerso che si trovava in posizione irregolare sul territorio italiano, il diciottenne è stato denunciato anche per violazione della normativa sull’immigrazione.

Proprio come un “furbetto del cartellino”, invece di presentarsi in servizio, ingaggiava un sostituto per farlo lavorare al suo posto.

Questo è quanto accertato dagli agenti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania nel corso di un controllo amministrativo ai possessori di licenza di Noleggio con Conducente (NCC). I poliziotti che stavano operando nelle immediate pertinenze della stazione centrale di Napoli, sì sono imbattuti in un anziano 75enne che stava prelevando dei turisti stranieri appena scesi dal treno, per accompagnarli in albergo con un’autovettura NCC intestata ad un’altra persona. Dagli accertamenti è emerso che l’anziano, privo sia di autorizzazione che di requisiti per lo svolgimento del servizio, era stato reclutato dal titolare della licenza per sostituirlo mentre questi si dedicava ad altro.




Il Codice della Strada contempla la cessione di un veicolo NCC per l’attività, anche in via temporanea, ad altro conducente sempre che questi, però, sia possessore di licenza. Inoltre il cedente è sottoposto ad un’ulteriore prescrizione inderogabile: della cessione, anche temporanea, deve essere data comunicazione al comune che ha rilasciato la licenza.

Nel caso specifico i poliziotti si sono ritrovati di fronte alla mancanza di entrambe le prescrizioni e pertanto hanno proceduto a contravvenzionare sia l’anziano che il titolare dell’autorizzazione. Inoltre, come previsto dalla normativa, è stata ritirata anche la carta di circolazione dell’autoveicolo per la trasmissione agli Uffici sul territorio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Questi ultimi, visti gli atti, ne hanno disposto la sospensione della carta di circolazione per 2 mesi.

Il provvedimento adottato è stato segnalato anche agli Uffici comunali che, nel caso di reiterazione del comportamento o di altra inosservanza alle prescrizioni, potrà disporre anche la revoca della licenza.

Continua a pieno ritmo l’azione di contrasto avviata dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania e finalizzata ad arginare il fenomeno degli illeciti amministrativi commessi da persone che svolgono abusivamente la loro attività nelle aree di pertinenza della stazione.




Nei giorni scorsi i poliziotti della Polfer hanno sanzionato un cinquantunenne napoletano che svolgeva in maniera del tutto illegale l’attività di “tassista”.

L’uomo aveva messo a punto una tecnica ingegnosa: individuava le fermate degli autobus più affollate e, transitandovi con l’autovettura, adescava clienti tra gli utenti in attesa, sostituendosi così in maniera indebita al servizio di linea. Condotti i “clienti” a destinazione, tornava in zona e ripeteva l’attività a ciclo continuo. L’altro giorno, però, il cinquantenne è stato fermato dagli agenti della Ferroviaria. I poliziotti hanno proceduto alla contestazione dell’illecito con il ritiro della carta di circolazione del veicolo. Tutti gli atti sono stati inviati alla Motorizzazione Civile di Napoli che dovrà disporre il periodo di sospensione della carta di circolazione.

Al titolar di una licenza NCC (Noleggio Con Conducente), invece, è stata notificata nei giorni scorsi l’ordinanza ella Motorizzazione Civile con la quale gli viene sospesa la carta di circolazione per un periodo di due mesi.

L’uomo era stato sanzionato recentemente sempre dal personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania in quanto, sorpreso a procacciare clienti in un’area destinata al servizio taxi, era stato sottoposto ad un controllo amministrativo che aveva rilevato degli inadempienti alle prescrizioni previste dalla licenza di noleggio con conducente.

In particolare il titolare di licenza era risultato non in regola con la compilazione dei fogli di servizio giornalieri che in alcuni casi erano addirittura omessi, contravvenendo così alla normativa vigente.

Nei giorni scorsi la Motorizzazione Civile di Napoli, con apposita ordinanza, ha disposto la sospensione della carta di circolazione per un periodo di due mesi.