Morti bianche sul lavoro: un convegno a Boscoreale

All’incontro pubblico dunque sono stati chiamati a intervenire oltre a Luigi Buffone, anche Pasquale Di Lauro Consigliere al Comune di Boscoreale, la Presidente Regionale di ANMIL Patrizia Sannino, il Segretario Provinciale della FLAI-CGIL Napoli Carmine Franzese

251

Confronto-dibattito, venerdì 15 novembre, nella sede de “Il Melograno” a Boscoreale, alle 17 e 30, su un tema quanto mai attuale e drammatico: le “morti bianche” ovvero gli infortuni di cui restano vittime i lavoratori allorché le misure di prevenzione e sicurezza sono carenti o del tutto inesistenti.

«La nostra associazione culturale – osserva Luigi Buffone – coerente con i propri valori statutari, ha proposto una serata di confronto, in merito al dramma delle morti sul lavoro, al fine di orientare la comunità verso la legalità e il miglioramento delle condizioni di vita, ma anche per alimentare la crescita di una maggiore coscienza e sensibilità verso tali problematiche che presentano in quest’anno 2019 una serie di dati allarmanti».

All’incontro pubblico dunque sono stati chiamati a intervenire oltre a Luigi Buffone, anche Pasquale Di Lauro Consigliere al Comune di Boscoreale, la Presidente Regionale di ANMIL Patrizia Sannino, il Segretario Provinciale della FLAI-CGIL Napoli Carmine Franzese.

«L’infortunio sul lavoro – continua Buffone – riguarda tutti perché fa parte della sfera più ampia del sistema sociale. Un rischio che comunque presuppone la prevedibilità e che quindi è possibile prevenire» La normativa italiana, tuttavia, sembra contraddittoria, e dunque occorre vigilare sia per impedire che si possano verificare gli infortuni, sia affinché ognuno faccia il proprio dovere.  Infatti Il Diritto Penale interviene, troppo spesso, quando si è già verificato l’evento tragico. Probabilmente bisognerebbe incidere sui momenti preventivi e precauzionali.

«C’è – spiega Buffone – un impegno forte dell’Associazione Nazionale Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro sul territorio nazionale per accendere i riflettori sul dramma degli incidenti sul lavoro, per la sicurezza sul lavoro, cosi come quello della CGIL con tutte le sue categorie! A loro chiederemo, nella serata di venerdì 15 novembre, come incidere sulle coscienze e sulla cultura della sicurezza, perché gli incidenti sul lavoro hanno ricadute non solo nell’immediato e su chi è direttamente coinvolto, ma anche in modo drammatico sulle famiglie delle vittime».

I lavori saranno conclusi da Antonio Marciano Consigliere Regionale e promotore della Legge Regionale a sostegno dei familiari delle vittime sul lavoro.

Bianca Di Massa

Share