Passo avanti nel gioco, ma il Napoli non va oltre l’1-1 a San Siro

Contro il Milan gli azzurri passano in vantaggio con Lozano, ma si fanno subito raggiungere da Bonaventura

736


Il Napoli esce da San Siro con un punto conquistato. Gli azzurri pareggiano 1-1 con il Milan, dopo una partita abbastanza equilibrata. Miglioramento sul piano del gioco per gli uomini di Ancelotti, che hanno giocato una buona partita, ma è mancato il guizzo decisivo per portare la partita dalla loro parte.

Il tecnico sorprende ancora, schierando un centrocampo composto da Callejon, Allan, Zielinski e Elmas, lasciando Fabian Ruiz in panchina per tutti i novanta minuti. Coppia d’attacco formata da Insigne e Lozano.

Il gol di Lozano (terza marcatura stagionale, seconda in campionato) sembrava l’inizio di una gara in discesa, ma il pareggio siglato da Bonaventura ha ridimensionato immediatamente le speranze. Il Napoli, soprattutto nel secondo tempo ha tentato di prendere le redini dell’azione, ma con strappi momentanei senza la continuità necessaria.

Buona la prova del messicano, che sembra aver acquisito la fiducia giusta e fa ben sperare per il prosieguo della stagione. Promosso anche Insigne, tornato a giocare in posizione avanzata per la prima volta quest’anno.

Da sottolineare la prestazione di Elmas, che si è disimpegnato con personalità e carisma in un ruolo non suo, nonostante la giovane età. Da rivedere invece quella di Zielinski: il polacco pare aver fatto un passo indietro rispetto alle uscite positive delle scorse settimane da centrale.

Da non disprezzare il lavoro della difesa, che non ha permesso all’attacco rossonero di creare dei veri pericoli per la porta di Meret. In particolare Koulibaly e Maksimovic che hanno annullato Piatek.

L’appuntamento con la vittoria è dunque rinviato: sono ora cinque le partite di campionato (sei tenendo conto anche della Champions) che il Napoli non riesce ad ottenere i tre punti. La classifica non si smuove e gli azzurri rimangono al settimo posto in graduatoria. Serve la svolta se si vuole ancora puntare ad un piazzamento utile per la prossima edizione della Coppa dei Campioni.

Salvatore Emmanuele Palumbo