Pomigliano d’Arco: nasce lo Spazio 5 Stelle

Presenti all’ evento i massimi vertici di partito il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e la giovanissima Viceministro dell’Economia Laura Castelli insieme ad un ampia schiera di parlamentari e consiglieri Nazionali

802

Sabato 7 dicembre è stato inaugurato nel cuore della cittadina pomiglianese lo Spazio 5 Stelle la prima sede fisica del Movimento che cambia pelle e si radicalizza sul territorio che ha dato i natali al suo capo politico Luigi Di Maio.

Dario De Falco braccio destro del Ministro degli Esteri, in prima persona si è occupato della location e dell’organizzazione dei lavori insieme all’onnipresente Consigliera Regionale Valeria Ciarambino e ai Consiglieri comunali Salvatore Cioffi e Salvatore Esposito, da cinque anni all’opposizione dell’attuale amministrazione Russo.

Presenti all’evento i massimi vertici di partito. il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa che da sempre è impegnato nella lotta alle ecomafie nella terra dei fuochi e la giovanissima Viceministro dell’Economia Laura Castelli insieme ad un ampia schiera di parlamentari e consiglieri nazionali, che hanno illustrato ai pomiglianesi le battaglie e i risultati ottenuti in questi quasi due anni di governo della nazione. Non a caso si è parlato dell’ultimo traguardo raggiunto, ovvero i 165 milioni di euro stanziati per equiparare gli stipendi dei Vigili del Fuoco a quello di tutte le forze dell’ordine italiane.

La Ciarambino ci spiega che ”costellazione cinque stelle” non è una strategia per accaparrarsi voti, ma nasce per le esigenze dei cittadini e su richiesta di questi in prossimità delle elezioni comunali e regionali per poter dare un punto di riferimento e di ascolto a tutti gli attivisti, un luogo verso il quale canalizzare idee e progetti su cui stilare il programma elettorale proprio insieme ai cittadini. Per rimanere coerenti alle loro battaglie istituzionali la sede non si avvarrà di finanziamenti pubblici ma si autotasserà, con il sostegno del gruppo locale grazie ad una raccolta fondi tra attivisti, portavoce e anche i cittadini che liberamente potranno lasciare un contributo-offerta durante le iniziative che saranno organizzate di volta in volta.

La sede è concepita come un laboratorio di idee dove verranno gestiti incontri periodici con la filiera istituzionale di cui dispone il movimento stando al governo del paese, per abbracciare l’elettorato che spesso si sente distante e abbandonato dal movimento. Lo stare al governo centrale non basta per cambiare le cose, sottolinea la Ciarambino ,solo gestendo e organizzando i Comuni e le Regioni si potranno portare i migliori risultati possibili  e perchè no iniziando proprio da Pomigliano che, ribadisce la Consigliera, è diventata negli ultimi due lustri dell’ Amministrazione di centro destra una città senza anima, un eterno cantiere, con un traffico cittadino ingovernabile, dove esistono solo pub e pizzerie mentre molti piccoli e medi negozianti hanno dovuto abbassare le serrande delle loro attività e dove esistono poche opportunità per i giovani.

Cinzia Porcaro

 

Share