Al via la rassegna letteraria “Angri che legge”

“Con tanto affetto ti ammazzerò”, dello scrittore Pino Imperatore, sarà il primo libro ad essere presentato nel corso della rassegna “Angri che legge”.

48

Sarà lo scrittore Pino Imperatore ad aprire la rassegna letteraria “Angri che legge” venerdì 13 dicembre, alle ore 19.00, presso “Udì Coffee” in Corso Italia.

L’evento è stato organizzato dai giornalisti Luigi D’Antuono, Pippo della Corte, Agostino Ingenito e Sergio Ruggiero Perrino in nome della “Associazione Giornalisti Angresi”.

La rassegna si articolerà in cinque appuntamenti: si partirà domani sera fino a giungere al mese di aprile con incontri mensili.

Un percorso letterario in cui si alterneranno autori di fama nazionale e scrittori legati al territorio dell’agro nocerino sarnese che avranno modo di incontrare gli appassionati di lettura e raccontare esperienze e aneddoti che avvolgono la genesi di un libro.

“Angri che legge” è un a verifica culturale garbata che ci siamo prefissi di sperimentare in un momento delicato per la nostra comunità dove la cultura finisce spesso ai margini dell’attenzione quotidiana – spiegano gli organizzatori – l’obiettivo è di tracciare un solco e contribuire alla diffusione culturale attraverso l’impegno e l’utilizzo di risorse personali e, a tal proposito, ci teniamo a sottolineare che la manifestazione non gode di nessun contributo pubblico ne di eventuali patrocini dell’ente comunale”.

“Con tanto affetto ti ammazzerò”, dello scrittore Pino Imperatore, sarà il primo libro ad essere presentato nel corso della rassegna “Angri che legge”.

Il percorso letterario proseguirà dal prossimo mese di gennaio con la presentazione del libro di Vincenzo Ruggiero Perrino seguito a febbraio dal lavoro letterario di Agostino Ingenito “Tiemp’ belle”.

A marzo è prevista la presentazione dell’ultimo lavoro di Peppe Lanzetta, “Pinotto”, libro dedicato alla memoria del cantautore Pino Daniele.

La prima edizione di “Angri che legge” si chiuderà venerdì 13 aprile con la presenza dello scrittore Pino Aprile, giornalista “meridionalista” più seguito in Italia.