Moda: tutti i dati del 2019 per prepararci al nuovo anno

188

ANDAMENTO DEL SETTORE MODA DONNA: TIRIAMO LE SOMME, PERCENTUALI ALLA MANO, DEL 2019

Per il settore della moda questo 2019 che volge al termine è stato un anno difficile che ha visto un ristagno del settore – confermato dall’esiguo 0,3% di crescita – all’interno dei confini nazionali. Il mercato estero, al contrario, è quello che riserva le migliori sorprese a riguardo, garantendo una linfa vitale al fatturato interno che segna un aumento del 7,3% rispetto al giro di affari che ha avuto luogo durante il 2018 e prospettando per il settore della moda un ricavo finale, per quest’anno, pari a 66,8 miliardi.
Naturalmente, le congiunture politiche ed economiche interne influenzano i mercati nazionali ed internazionali, così come fanno lo stesso anche i contesti esteri che facilitano o rendono particolarmente problematici i flussi di import-export.

Il Made in Italy, comunque, continua ad essere uno dei principali motori trainanti dell’economia italiana in Europa – soprattutto in Svizzera, Francia e Regno Unito – e oltreoceano – basti solo pensare all’incremento delle esportazioni verso la Cina, il Giappone e gli Stati Uniti -.
Uno specifico segmento del settore moda, quello dell’abbigliamento femminile, ha visto crescere le esportazioni del 6,6% rispetto allo scorso anno e un conseguente fatturato pari a 4,4 miliardi di euro.

Ma cosa ha agevolato in maniera determinante questa crescita importante? Ad un’attenta analisi è facile identificare un’ampia fetta di mercato nell’e-commerce, vera rivoluzione moderna del modo di fare acquisti. Se un’azienda mette il suo catalogo di abbigliamento a portata di click, facilmente sfogliabile digitalmente, ed è in grado di offrire offerte periodiche e personalizzate, è facile comprendere perché il settore della moda donna abbia rilevato un tale incremento grazie ai numerosi negozi online presenti sul mercato, anch’essi beneficiari di un aumento del fatturato considerevole. Uno su tutti: l’e-commerce tutto italiano yoox.com che lo scorso anno, soprattutto grazie alla sezione dedicata agli abiti da donna, è riuscito a fatturare ben 190,4 milioni di dollari posizionandosi al secondo posto tra i negozi online più popolari in Italia nel 2018.

QUALI SONO LE PREVISIONI PER IL 2020?

Le previsioni per il futuro e, più nel dettaglio, per il 2020 non sembrano essere molto floride: l’Italia risente molto dei continui mutamenti politici interni, del suo notevole debito pubblico e dell’onnipresente evasione fiscale. Nonostante la generale stagnazione dell’economia italiana, gli analisti prevedono una crescita significante (+8%) del settore moda e cibo proprio grazie all’e-commerce, mentre al secondo posto si colloca il settore delle materie prime farmaceutiche (+7%) seguito da quello della microelettronica (+5,3).

Quello della moda continua ad essere, quindi, un settore fortemente trainante per l’intera economia italiana e, ad un’attenta analisi, è facile rendersi conto che le sue potenzialità non accennerebbero a diminuire se solo fossero messi in atto i giusti investimenti dal punto di vista dell’innovazione e del management.

 

Share