Crisi politica a Volla: la minoranza dice la sua

Il Sindaco da troppo tempo sta trascinando la decisione di rimodulare la Giunta con gravi conseguenze per la città

1013

In questi giorni abbiamo assistito ad un gioco al massacro da parte della maggioranza.
A suon di comunicati stampa e commenti su Facebook i vari esponenti dei gruppi politici di maggioranza hanno di fatto lasciato intendere di non aver condiviso quanto meno le modalità con cui il Sindaco ha comunicato di azzerare la Giunta.

I consiglieri di minoranza Formisano, Granato, Russo, Scognamiglio, Tafone e Viscovo con una nota comunicano il loro disappunto:

“La minoranza resta esterrefatta da come si stia generando questa crisi politica.
Il Sindaco da troppo tempo sta trascinando la decisione di rimodulare la Giunta con gravi conseguenze per la città.

Ad un anno e mezzo di amministrazione abbiamo assistito solo a litigi e nulla di positivo per i cittadini.

Abbiamo perso il ruolo di Capofila dell’Ambito, siamo stati diffidati dalla Regione per il PUC, i bilanci non quadrano e i revisori hanno denunciato alla Procura della Corte dei conti il Sindaco e i funzionari, hanno adottato il project Thermon spendendo milioni in danno della collettività e portato al blocco delle attività amministrative risultando incapaci di far rispettare contratti e capitolati.

Tutto questo, sta creando una stasi nel paese e i cittadini ne pagheranno le conseguenze.
I gruppi politici hanno lasciato il cerino in mano al Sindaco nel tentativo di far ricadere su di lui le responsabilità.

Sicuramente la sua poca capacità di decidere e la sua inesperienza hanno contribuito a questa situazione ma anche l’arroganza e l’autoreferenzialità dei capetti di maggioranza sta portando ad una empasse irrisolvibile”

Share